La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Ultima

Senza titoloo

uomo solo mPenso che in questo preciso istante

chissà non ci sia nessuno nell’universo che pensi a me,

che io sia il solo a pensarmi,

e se morissi adesso,

nessuno, neppure io, resterebbe a pensarmi.

E questo è l’inizio dell’abisso,

come quando mi addormento.

Sono il mio proprio sostegno e me lo tolgo.

Contribuisco a rivestire tutto d’assenza.

Sarà forse per questo

che pensare a un uomo

sia quasi un modo di salvarlo.

Roberto Juarroz

Rosa di maggio

rosa george frederic wattsf3cfae41cacf4cd418311326e89fc08bL’alba si è fatta

profumo di rose.

Rosa di maggio,

abbarbicata sul muro vetusto;

affresco di vita

corroso dagli scherni del tempo.

Tappeto di petali bianchi

sul selciato di dolci primavere.

Fra gli agrumi imbiancati

dai fiori,

mano nella mano di mio padre,

stretta, stretta,

al richiamo del cuore di mamma,

ansioso, protettivo.

Diventeranno frutti copiosi,

allieteranno tavole imbandite

tra gli amici dell’allegria,

svaniti nei rivoli

del più salubre inganno.

In fondo, oltre la siepe,

scorgere i ceppi temprati dagli anni;

offrono ancora nuova vegetazione,

nuove foglie, tenere e indifese,

al soffio di vento.

Alda Merini

dipinto di George Frederic Watts

Serenata a Gessica

<p value="<amp-fit-text layout="fixed-height" min-font-size="6" max-font-size="72" height="80">

violino chagall 54e582ba6f067770af8e7d5a061e5846I violini sotto i balconi del ghetto
acutamente ti chiamano, cuciono
ai tuoi piedi un damasco dogale:
tu da una fiaba mi lanci una rosa.

Gessica, ma le palme della sera
l’ingenua fronte bendarti
non senti ancora, e dai canali immensa
un’aquila di nuvole levarsi?

Addio, Gessica, addio, viso perduto:
già remota, con gesti di sonno
navighi un fiume d’aria
fra uno sterminio docile di fiori.

 

Gesualdo Bufalino

Immagine di Marc Chagall

E’ maggio

FIORI MONET 88b6d459c188e65f8f7f74587a730b7aÈ maggio

A maggio non basta un fiore.

Ho visto una primula: è poco.

Vuoi nel prato le prataiole:

È poco: vuole nel bosco il croco.

È poco: vuole le viole; le bocche

di leone vuole e le stelline dell’odore.

Non basta il melo, il pesco, il pero.

Se manca uno, non c’è nessuno.

È quando è in fiore il muro nero

è quando è in fiore lo stagno bruno,

è quando fa le rose il pruno,

è maggio quando tutto è in fiore.

 

 

Giovanni Pascoli

Dipinto di Claude Monet

Cuore

The earth in the shape of a heart, elements of this image furnished by NASA

The earth in the shape of a heart, elements of this image furnished by NASA

O Signore, il mio cuore non mi basta più,
quella che io amo è grande quanto il mondo:
mettimene nel petto un altro
che sia grande quanto il mondo.


Nizar Qabbani

Non penso, non mi lamento, non discuto

DANZATRICE il_570xN.1835518355_9hmmNon penso, non mi lamento, non discuto.
Non dormo.
Non aspiro
né al sole né alla luna né al mare
né alla nave.

Non mi accorgo di quanto fa caldo tra queste pareti,
di quanto verde c’è nel giardino.
Da tempo il dono desiderato ed atteso
non aspetto.

Non mi rallegra né il mattino né la corsa
sonora del tram.
Vivo, senza vedere il giorno, dimenticando
la data e il secolo.

Sulla fune, che sembra intagliata,
io – sono un piccolo danzatore.
Io – ombra dell’ombra di qualcuno. Io – sonnambulo
di due oscure lune.

Marina Ivanovna Cvetaeva

Felice chi è diverso

diverso e ugualeFelice chi è diverso
Essendo egli diverso
Ma guai a chi è diverso
Essendo egli comune


Sandro Penna

Dove nasce il giorno

ALBA yHRdH0TIl giorno non nasce in tutte le parti del mondo,
ma solo in segreto,
là dove nessuno lo vede.
Da niente diventa increspatura di vita,
da buio diventa cammino,
da notte diventa orizzonte
Il giorno non ha fretta di diventare colore
ma si tinge lentamente
salendo dal cuore del mondo
scalda pian piano il manto del mondo
come il respiro che esce dal freddo letargo infinito dell’insensibilità
seziona il nero come a cercare nella notte dell’anima
quell’unica luce della fratellanza
e solo alla fine si lascia trovare.

Guatan Tavara

Il fuoco degli Dèi

prometeo b9a41d02fa4ffca2e6768e767851dd89Oh voi, guardate come gli anni cadono
con fragore tutti e formano una nube
e l’uccello sul suo ramo ride dei sogni
dell’uomo, mentre tutto si disfa come scaglie!

Quel fuoco che Prometeo ancora non espia,
dolore posto sulla fronte perché sia eterna,
oh guardatelo crescere sulle rovine,
le ceneri che rimangono del suo incendio sommesso!

Percorriamo le ore senza vederne il volto,
quelle labbra che a volte ci chiamano da così lontano.
Oh se nell’altro sogno potessimo pensare
e quella fiamma infine si innalzasse al riposo
oscillando in mezzo alla Bellezza, per sempre!

 

Juan Rodolfo Wilkock

Aprile

unnamedProva anche tu,
una volta che ti senti solo
o infelice o triste,
a guardare fuori dalla soffitta
quando il tempo è così bello.
Non le case o i tetti, ma il cielo.
Finché potrai guardare
il cielo senza timori,
sarai sicuro
di essere puro dentro
e tornerai
ad essere felice.

Anna Frank

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: