La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

antologia

…’me piöv

Giuseppe Faraone Pittore Macchiaiolo Impressionista

…’me piöv! ‘me fresca la citâ nel piöv!
quèl verd del camion, l’umbrèla che camina,
la lüs sghemba di tram ch’j slisa al vent,
e mì che sogni el nient – va e vègn la mina
süj strâd chì, de Milan, tra ‘l curr di gent
e j urelogg ch’în ferma stamatina –
e la mia vûs la cerca el firmament…
‘me piöv süj mè penser, e sü quj ciar
che mett paüra dai macchin ‘me indurment…
…ah bèl guttà che stagna e desfa i sò mister,
nüm chì càntum amô sensa savèl
de quèl che al quiss del vìv slengua i penser.

Franco Loi


Notte di maggio

Era una notte del mese
di maggio, azzurra e serena.
Sull’azzurro cipresso
il plenilunio brillava,
illuminando la fonte
dove l’acqua zampillava
or si’ or no singhiozzando.
Solo la fonte udiva.
Poi d’occulto usignolo
si senti’ il motivo.
Ruppe raffica di vento
la curva dello zampillo.
E una dolce melodia
vagò’ per tutto il giardino:
un musicante tra i mirti
il suo violino suonava.


Romanticismo :-)

Ernesto Ragazzoni
I dolori del giovane Werther
 

Il giovane Werther amava Carlotta 
e già della cosa fu grande sussurro.
 
Sapete in che modo si prese la cotta?
 
La vide una volta spartir pane e burro.

Ma aveva marito Carlotta, ed in fondo
un uomo era Werther dabbene e corretto;
e mai non avrebbe (per quanto c’è al mondo),
voluto a Carlotta mancar di rispetto.

Così, maledisse la porca sua stella;
strillò che bersaglio di guai era, e centro;
e un giorno si fece saltar le cervella,
con tutte le storie che c’erano dentro.

Lo vide Carlotta che caldo era ancora,
si terse una stilla dal bell’occhio azzurro;
e poi, vòlta a casa (da brava signora),
riprese a spalmare sul pane il suo burro.


Due donne

Lui ha due donne:
una che dorme nel suo letto
e una che dorme nel letto dei suoi sogni.

Lui ha due donne che lo amano:
una che invecchia al suo fianco
e una che gli offrì la giovinezza
per poi occultarsi.

Lui ha due donne:
una nel cuore della sua casa
e una nella casa del suo cuore.

Maram al-Masri

 


La freccia


Ho scoccato una freccia in aria,
è caduta a terra, non sapevo dove;
poiché così rapida volava, che la vista
non riusciva a seguirne il volo.
Ho sussurrato una canzone nell’aria,
è caduta a terra, non sapevo dove;
poiché chi ha una vista
così acuta e forte
da seguire il volo
di una canzone?
Molto, molto tempo dopo,
in una quercia,
ho trovato la freccia ancora intatta; e la canzone, dall’inizio alla fine,
l’ho ritrovata nel cuore di un amico.

(Henry Wadsworth Longfellow)


Poesia dal silenzio

Spengono la lampada e il suo globo risplende un istante prima di sciogliersi


come una pastiglia in un bicchiere di tenebre. Poi si sollevano.

Le pareti dell’albergo si gettano nel buio del cielo.


I gesti dell’amore si sono acquietati e loro dormono

ma i pensieri più segreti s’incontrano

come quando s’incontrano due colori e l’uno nell’altro fluiscono

sulla carta bagnata di un dipinto infantile.

È buio e silenzio. Ma la città stanotte

si è avvicinata in fretta. A finestre spente. Le case sono qui.

Vicinissime stanno serrate in attesa,

una folla di volti inespressivi.

Tomas Tranströmer


.
.

 


Pietre




Sento cadere le pietre che abbiamo gettato,
Cristalline negli anni. Nella valle
Volano le azioni confuse dall’attimo
Gridando da cima a cima degli alberi, tacciono
Nell’aria più leggera del presente, planano
Come rondini da cima
A cima dei monti finché
Raggiungono l’altopiano più remoto
Lungo la frontiera con l’aldilà.
Là cadono
Le nostre azioni cristalline
Su nessun fondo,
Tranne noi stessi.

Tomas Transtroemer


Narcisi

Compero un profumo dell’Erbolario, e ci trovo scritti questi bellissimi versi….la poesia sta bene dappertutto, anche sulla scatola di un profumo 🙂

“Narcisi, che apparite

quando non osa

la rondine

e accogliete i venti

di Marzo

con la bellezza…”

W.Shakespeare


Partire


Partire!
Non tornerò mai,
non tornerò mai perché mai si torna.
Il luogo ove si torna è sempre un altro,
la stazione a cui si torna è diversa.
Non c’è più la stessa gente, né la stessa luce, né la stessa
filosofia.


(Là-bas, je ne sais où, Poesie di Álvaro de Campos, eteronimo di Fernando Pessoa)

 


Semplicità


Che fine ha fatto la semplicità ?
Sembriamo tutti messi su un palcoscenico e ci sentiamo tutti in dovere di dare spettacolo.

 

Charles Bukowski