La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

In tram

Padri e figli.

Il papà “figo”, con il collo tatuato, orecchino d’oro con pendente al lobo sinistro, barba (curata) di tre giorni circa, montone Sherling e tablet per fotografare di tutto e di più, che ha un figlio circa decenne a sua immagine e somiglianza munito di minitablet. Cosa diamine vi mettete gli occhiali da sole se c’è nuvolo? O vi abbagliano le luci natalizie?

Dietro a me un bambino di etnia orientale di quattro o cinque anni, canta assieme al papà “A Natale puoi”🙂. Potenza della pubblicità. (ma fanno tanta tenerezza).

Mode.

Accanto a me ragazzo con pantaloni stracciati d’ordinanza, testa appoggiata al finestrino, occhi chiusi, auricolari.
Nell’attimo in cui il brusio delle voci dei passeggeri cessa, come pure il rumore del compressore, la musica assordante irrompe nel vagone.
Ma quanti decibel si spara nelle orecchie? Ed i peli che fuoriescono dagli strappi sulle ginocchia non sono certo un bello spettacolo.

Ragazza anche lei seguace dell’ultima moda, quella delle scarpe slacciate. Intenta a smanettare sullo smartphone si accorge all’ultimo istante di essere giunta alla sua fermata e nella fretta di scendere perde una scarpa. Un’anima buona gliela getta dalla porta che sta per richiudersi.
Moda? Non commento🙂.


Inviato dal Veloce promemoria

2 Risposte

  1. E’ meglio non commentare. Un abbraccio grande e auguri per un sereno Natale.

    Liked by 1 persona

    23 dicembre 2015 alle 17:14

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...