La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “Via Mac Mahon

RICORDI

image

Un giro in via Mac Mahon.
Lì vicino, in una via laterale, hanno abitato i genitori di mio marito nell’ultimo periodo della loro esistenza. Dopo la morte di mia suocera, suo marito aveva preferito ritirarsi in una casa di riposo ma noi avevamo preferito continuare a pagare l’affitto di quel piccolo appartamento (40 mq scarsi, 4°piano senza ascensore – 84 gradini-, nel bagno solo il wc ed il lavandino, riscaldato con una stufa a kerosene) tanto da avere un punto di appoggio quando venivamo a Milano. Allora lavoravo ancora a Bolzano, quindi si trattava di passare là alcuni fine settimana o qualche lungo ponte.
Lo stabile era vecchiotto, circa 80 anni, ma con buona volontà e olio di gomito l’avevamo rimesso a nuovo, stuccando e ridipingendo gli infissi, tinteggiando le pareti, e decorando il resto con un pizzico di “follia”: pitturato di rosso un vecchissimo frigorifero (marchiato INDES ma che svolgeva ancora egregiamente il suo compito) e con la medesima tinta pure la cappa della cucina, il sottolavello ed il mobiletto portabombole sul quale poggiava il fornello a tre fuochi.
Pure il bagno avevamo abbellito, tappezzando le pareti con una carta plasticata decorata con formelline a mosaico bianche e rosse.
Da Bolzano avevamo portato un mobile basso ad angolo , (sul quale poggiare il televisore) che affiancava uno di quei vecchi mobili – bar con l’interno a specchietti e, sopra, una vecchia Radio Marelli con grammofono incorporato.
Avevamo fatto reimbottire e ricoprire il divanetto a due posti mentre la stanza da letto l’avevamo lasciata com’era, limitandoci a cambiare i materassi ed i cuscini.
Un arredamento un pochino kitsch, tra il moderno ed il vintage, ma gradevole.
Siamo passati là con un filino di nostalgia, ricordando il tempo passato, quando si andava a fare la spesa alla Standard di piazza Diocleziano.
Ed a proposito di kitsch, abbiamo pranzato in un locale là vicino, con un arredamento molto “particolare”, tra un juke box anni ’50, una Lambretta, una vecchia pompa di benzina e varie cose che Enzo Iacchetti, amico del proprietario, aveva mostrato a “Striscia la notizia ” nella sua rubrichetta sull’Isola di Kooly Noody.
image

image

image


Inviato dal Veloce promemoria