La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “vaccini

(S)fiducia

Che fiducia possiamo avere noi comuni cittadini in certe istituzioni?
La mascherina non serve, disse l’OMS… Brusaferro recentemente riconfermato come portavoce del CTS, non la portava, come pure Angelo Borrelli, allora capo della Protezione Civile. Poi divenne obbligatoria. E poi, quale mascherina? La chirurgica? Quelle autoprodotte? O quelle tipo “Swiffer” dalla dubbia efficacia? O le sicurissime FFP2, scomodissime da portare? Tempo addietro erano obbligatori pure i guanti, ora sono diventati facoltativi.
Tenete la distanza… Ma quale? Un metro, uno e mezzo, due? Ora sembra che due metri sia la distanza necessaria da tenere se NON si utilizza la mascherina.
Vaccinatevi. Ma con cosa? Con Pfizer che va conservato a – 80 gradi ottenendo 5 dosi per fiala? Oppure bastano – 20 gradi e diluendolo meglio le dosi diventano 6?
AstraZeneca? Va bene, ma solo fino a 55 anni, diventati poi 65, ora consigliato anche per gli 80enni. Aifa ed Ema prima danno il benestare, poi lo bloccano dopo vari casi di trombosi ed emorragie cerebrali (ma non c’è nessun nesso causale, dicono). Però alcuni consigliano di fare prima il test per vedere se si sono sviluppati anticorpi, in caso ci si sia infettati in maniera asintomatica, perché  questo è il caso degli inconvenienti suddetti. Ora mezza Europa lo ha bloccato, però sembra che più degli effetti collaterali c’entri il veto di Angela Merkel ancora indispettita per la Brexit.

Pfizer ha bisogno del richiamo a distanza di tre settimane di distanza, però il termine non è tassativo. A volte è sufficiente anche una sola dose…Poi si vedrà. A volte perfino si può fare la prima dose di Pfizer e la seconda di Moderna, il vaccino somministrato al PdR.

Di Sinovac non parla nessuno, anche se lo hanno fatto milioni di cinesi, e si sa che il virus lo hanno prodotto loro. Lo stesso per il vaccino cubano Soberana… e chi lo conosce?

Sputnik? Oh perbacco…è russo, però San Marino lo ha ordinato. L’Europa non lo vuole, forse teme di andare in orbita.

I minori non vanno vaccinati, ma per Pfizer l’età minima è di 16 anni, per AstraZeneca 18…

Insomma, come al solito ci bombardano con notizie che dicono tutto ed il contrario di tutto.


No, no e poi no!

Si può andare avanti dicendo sempre di no?

No al TAV (uso il maschile, perché è Treno Alta Velocità).

No alle trivelle (ed intanto i dirimpettai adriatici ne approfittano).

No al TAP, quel gasdotto che altro non è che un tubo interrato di poco più di 8 chilometri, con l’espianto (ed il successivo reimpianto) di 400 ulivi; però guai a distruggere gli ulivi colpiti dalla xylella, che intanto si sta diffondendo in maniera esponenziale.

No alle varianti, no al terzo valico.

No ai tralicci, no ai microonde, no al 5G, no alle antenne, no al MUOS.

No al nucleare, no al petrolio, no al carbone, no al diesel.

No alle medicine, no ai vaccini.

No ai diserbanti, no ai fertilizzanti, ma anche no agli OGM.

Praticamente con loro si ritornerebbe all’età della pietra, però vogliono Internet e WiFi libero.

Sapete dove vi manderei, cari pentastellati?

Poi, diciamocela chiaramente, caro Gigino: magari la maggior parte dei 5 stelle sarà contraria al TAV, ma la maggior parte degli ITALIANI invece è favorevole, e tu sei chiamato a governate TUTTI gli italiani, non solo quelli del tuo movimento. Inoltre dovrebbe essere il Parlamento a decidere, non il Governo. Al limite si sarebbe dovuto promuovere un bel referendum (non siete voi quelli della “democrazia diretta”?), purtroppo mancano i tempi tecnici per farlo.


Vaccini

Non capisco tutte queste prese di posizioni contro i vaccini.

È assai semplice da capire: i vaccini fino ad oggi hanno protetto milioni di bambini da malattie pericolose se non addirittura mortali. A scuola una mia compagna aveva la sorella maggiore claudicante per via della poliomielite, ed era stata anche fortunata, in quanto moltissimi bambini hanno dovuto trascorrere la loro vita nel polmone d’acciaio.

La sorella di un’altra mia compagna di giochi era morta per la difterite. Non ci vuole molto a capire che se oggi il rischio di contrarre le malattie da parte di bambini non vaccinati è inferiore è solamente perché i loro compagni sono stati già immunizzati.

A maggior ragione al giorno d’oggi bisogna ricorrere ai vaccini in quanto molte malattie si sono ripresentate grazie all’immigrazione da paesi dove questi morbi sono endemici.

Non parlo poi di quanti cianciano dei complotti delle case farmaceutiche responsabili, a loro avviso, di spingere per l’uso dei vaccini al solo scopo di fare profitti. È semplicemente vergognoso. Adesso a parlare ci si mette pure Povia, che non porta uno straccio di prova sulla pericolosità dei vaccini…Mglio che si limiti a cantare, così farà meno danni.