La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “strumentalizzazione

Parere personale

Non mi è piaciuta la maniera in cui è stata strumentalizzata la morte di Antonio Megalizzi, al di là della condivisione o meno delle sue idee.

C’è chi ne ha parlato come fosse un eroe, appoggiando sì le sue tesi sull’Europa, però distorcendole, appoggiando comunque in pieno una immigrazione indiscriminata che comporta comunque “qualche” rischio.

Altri invece, e questi sono i peggiori, hanno dimostrato una totale indifferenza per la sua morte, perché vittima della stessa Europa che il giovane sosteneva, come a dire che “se l’era cercata”: agghiacciante!

Io piango solo un giornalista con degli ideali (che pure non condividevo) ucciso nel pieno della sua giovinezza, un uomo che aveva ancora tutta una vita davanti.

Il suo sogno magari si sarebbe avverato, oppure avrebbe avuto il tempo di ricredersi…chissà.


STRUMENTALIZZAZIONI

lavaggio_cervello
STRUMENTALIZZAZIONE 
Questo il metodo adoperato dai nostri mezzi di informazione  (?) per indottrinarci.
Come per la foto  del piccolo Aylan,  usata per sensibilizzarci sul problema accoglienza ai “profughi “. E le decine di migliaia di altri bimbi siriani morti o mutilati a causa del conflitto, sotto il fuoco di una o dell’altra fazione? Sono forse vittime di serie B? È solo fermando la guerra che si interromperebbe il flusso migratorio,  come ha urlato a Budapest un ragazzino.


STRUMENTALIZZAZIONE,  come nel caso del bracciante di colore morto di fatica raccogliendo pomodori sotto il cocente sole estivo. “Fortunatamente” (per modo di dire) è deceduta anche una donna italiana, altrimenti sarebbe continuata la litania “dei migranti che fanno i lavori che gli italiani non vogliono più fare”. Tutti sanno che il caporalato esiste,  i campi sono là in bella vista, ma nessuno si muove per controllare,  men che meno i sindacati. Quegli stessi sindacati che magari preferiscono far chiudere una fabbrica  mandando a spasso un migliaio di dipendenti piuttosto di far licenziare una cinquantina di persone – eventualmente da ricollocare – mantenendo il posto di lavoro agli altri. Però “il principio innanzi tutto”, non si transige.


STRUMENTALIZZAZIONE nel considerare il ruolo dell’Europa per il problema immigrazione. Salvini dice che non possiamo accoglierli tutti? RAZZISTA! Orban difende i suoi confini con il filo spinato?  FASCISTA! Cameron vuole che in Gran Bretagna entri solo gente già con un contratto di lavoro  (inclusi i lavoratori UE)? Tutto bene, lui è uno dei potenti, quindi è  un sincero democratico.


STRUMENTALIZZAZIONE  quello che accade in territorio palestinese  (per mio conto la Palestina come stato non esiste, almeno per ora),  facendo apparire le “reazioni” di Israele come “azioni”.


STRUMENTALIZZAZIONE la questione della marchiatura dei clandestini con un pennarello indelebile in Repubblica Ceca,  equiparandola ai numeri tatuati sulle braccia degli internati nei lager nazisti. Ma se queste persone arrivano senza passaporto o con documenti redatti in arabo, in qualche modo bisogna pure identificarli. (e la marchiatura prima o poi sparirà ).

STRUMENTALIZZAZIONE la notizia del papa che si fa riparare gli occhiali, tanto per distogliere il popolo pecorone da notizie più importanti.


Ecco alcuni metodi (e ce ne sarebbero ancora) adottati per un sottile e continuo lavaggio del cervello.