La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “solitudine

Solitudine

C’è al mondo una così grande solitudine che la puoi vedere negli scatti lenti delle lancette di una sveglia.
Gente così stanca, mutilata d’amore e di disamore.
La gente semplicemente non va bene insieme, senza eccezione.
Il ricco non va bene al ricco.
Il povero non va bene al povero.
Abbiamo paura.
Il nostro sistema educativo ci dice che possiamo tutti essere fortunati e vincenti.
Non ci ha detto nulla degli sfigati o dei suicidi.
O del terrore di una persona sofferente, in qualche luogo, da sola,
senza che nessuno le parli, senza che nessuno la tocchi.
La gente non sta bene insieme, non va bene uno con l’altro. Se invece stesse bene le nostre morti non sarebbero così tristi.

Charles Bukowski, Il punto cruciale


Solitudine

Solitudine, mia compagna sola,
dea del prodigio, che hai voluto farlo
non richiesta!, di dare la parola
alla mia voce, dimmi: con chi parlo?
Rifuggo ormai la chiassosa brigata
e senza amici solo pena c’è
con te, signora, nel viso velata,
sempre velata se parli con me.
Non muterò per quanto mi rinnovi,
penso; non è l’enigma quel sembiante
che nell’intimo specchio appare nuovo,
altro è il mistero: la tua voce amante.
Discoprimi il tuo volto ch’io li trovi
fissi su me i tuoi occhi di diamante.

Antonio Machado


Solitudine

the-cemetery-of-umbrellasDa bambino sentivo di essere solo, e lo sono ancora oggi, perché conosco cose e debbo riferirmi a cose delle quali gli altri apparentemente non conoscono nulla, e per lo più nemmeno vogliono conoscere nulla.
La solitudine non deriva dal fatto di non avere nessuno intorno, ma dalla incapacità di comunicare le cose che ci sembrano importanti, o dal dare valore a certi pensieri che gli altri giudicano inammissibili.
La solitudine cominciò con le esperienze dei miei primi sogni, e raggiunse il suo culmine al tempo in cui mi occupavo dell’inconscio.
Quando un uomo sa più degli altri diventa solitario.
Ma la solitudine non è necessariamente nemica dell’amicizia, perché nessuno è più sensibile alle relazioni che il solitario, e l’amicizia fiorisce soltanto quando ogni individuo è memore della propria individualità e non si identifica con gli altri.

Carl Gustav Jung


L’ultimo posto in fondo a destra.

. L’Old Station Pub di Seregno lo frequentiamo perché ha una vastissima scelta di birre ed è qui che colgo l’occasione per bere ancora la Schlenkerla che avevo trovato a Bamberg (ma gustata alla spina è assai meglio).
Così, qualche sera fa ci siamo recati là con i nostri due amici. Come al solito, avevamo prenotato il posto nella saletta più piccola, occupando uno dei piccoli separè per stare più tranquilli. In effetti non servirebbe prenotare perchè arriviamo sempre verso le 20, mentre il locale inizia a riempirsi parecchio tempo dopo.
Infatti non c’era nessuno, anzi, no:
la mia attenzione è subito stata attratta dall’unica ragazza che occupava l’ultimo separè in fondo a destra.
Interamente vestita di nero, dolcevita, un golfino, pantaloni ed un giaccone che, nonostante non facesse freddo, teneva comunque appoggiato sulle spalle. L’unica cosa che illuminava un pochino quella mise un po’ lugubre era una lunga e sottile catenina d’argento. Anche i capelli, lisci e corposi, erano scuri, una pettinatura leggermente demodè, con la scriminatura centrale e le ciocche laterali che coprivano il volto piuttosto pallido.
Credevo fosse in attesa di qualcuno, ma il cameriere ha iniziato subito a servirla: tacos con formaggio e jalapenos, un panino con hamburger, patate a spicchi cotte con la buccia ed un grosso boccale di birra chiara.
Ha iniziato a mangiare piano, con molta lentezza, immergendo le patate nella ciotolina di salsa piccante. Teneva quasi sempre lo sguardo abbassato e pensavo che stesse leggendo o consultando il cellulare, ma sul tavolo c’erano solo le ordinazioni che stava consumando. Ogni tanto però alzava gli occhi, uno sguardo piuttosto stranito, assente quasi, mentre la bocca aveva una piega piuttosto amara.
Tra un boccone e l’altro serrava l’una all’altra le mani, coperte fino a metà dalle maniche della maglia, avvicinandole al petto e strofinandole con lentezza. Non proferiva parola nemmeno con il cameriere, limitandosi ad indicare ciò che voleva dalla carta.
Intanto la birreria iniziava ad essere piuttosto frequentata. Dalle altre due sale provenivano risate e un continuo vocio, frammiste alla musica di sottofondo, ed anche nella nostra saletta erano giunti altri avventori: al nostro fianco una coppia di giovani innamorati che tralasciavano di mangiare per guardarsi negli occhi, mentre nel primo separè c’era un trio di amici che scherzavano tra di loro.
La ragazza invece era sempre là, silenziosa. Aveva ordinato un semifreddo, poi un caffè. Si notava che consumava tutto con esasperante lentezza al solo scopo di far passare il tempo.
Infine una Red Bull ma più che berla, giocherellava con il bicchiere.
Noi avevamo finito da un pezzo le nostre consumazioni.
Siamo usciti dopo circa tre ore, passate scherzando e chiacchierando, e lei era ancora là, sola: unica compagnia i suoi pensieri.

 


Alba

Preferisco

le albe ai tramonti.

L’alba è un inizio

da ammirare in solitudine,

o, meglio, in compagnia di me stessa,

nessun altro vicino,

solo i miei pensieri,

splendida luminescenza di perla

fresca aria mattutina,

silenzio,

purezza…

E’ l’istante

in cui la notte

diventa trasparente

e smorza la luce delle stelle

lasciando, unica e risplendente,

Lucifero

e un accenno di luna.

Il tramonto…

è solo un tramonto…

una conclusione aspettata

di cose, a volte, mai nemmeno incominciate.

(Loredana, 02.05.2011



Frase del giorno

Si resiste a stare soli finché qualcono soffre di non averci con sé, mentre la vera solitudine è una cella intollerabile.

(Cesare Pavese)



frase del giorno

I ricordi non popolano la nostra solitudine, la fanno anzi più grande.

(Gustave Flaubert)

 


frase del giorno

Bussa alla porta della tua solitudine e chiedi del padrone: se ti viene aperto, non hai parlato invano agli uomini.
(Paul Celan)


frase del giorno

La solitudine ti fa sentire in compagnia degli dei.