La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “risotto con lo zafferano

Risott cont el safràn

Oggi un piccolo “divertissement”, ossia la ricetta del risotto con lo zafferano, scritta in versi rigorosamente  milanesi. La ricetta originale prevede anche il midollo, così da accompagnarlo al meglio con l’ossobuco, come è spiegato nel piccolo video in fondo. Spero che sia gradito ad una carissima amica che seguo sempre con piacere  🙂 . E se dovesse servire una traduzione, son a disposizione.

risotto-ratanà-milanese_980x571

L’immagine è tratta da internet

 

«Gina, Gina, stavolta chi el risott

voeui cural mi. Prepara bella netta

la padella, che sem in sett o vott.

El broeud te ghe l’ee bon ? Sì ? De manzetta ?

Famel on poo saggià. Bon, bon, va là,

sent che odorin ? El fa resuscità.
El ris l’è del vialon rivaa su jer ?

L’è mondaa ? Torna a dagh ona passada.

Sù, sù, mett in padela el to butter

e on tochell de scigola ben tridada.

Mett a foeugh, fà tostà movend sul fond

cont el cazzuu a fal de color biond.
Dent el ris. Ruga. Bagnel cont el vin

bianch, magher (mezz biccer). Dent el zaffran.

Ruga. Fagh sugà el vin. Sent che odorin !

Sugaa ? Giò el broeud da man a man.

Boffa sott che’l dev buj a la più bella

de sentil a sparà in de la padella.
Bagnel del tutt e rangiel giust de saa.

Lassel coeus. Brava. Gratta giò el granon.

Oi, oi sott, sotta foeugh chel s’è incantaa.

Gina che risottin, che odor de bon !

Ten rugaa veh ! Adasi e dappertutt.

Varda, l’è quasi all’onda, on cinq minutt.
Giò che l’è pront. L’è moll ? Fa nient, el ven.

Dent el grana abbondant e on bell tocchell

de butter peu mantecchel ben, ben, ben,

menand sù svelt che’l ven e bon e bell.

Quest chi sì l’è on risott che var la spesa,

on risott propi faa a la milanesa !
Cott al punt, mantecaa a la perfezion,

bell, mostos, el te fà resuscità

anca on mort ch’è crepaa d’indigestion.

Tirel giò e mett on tavola che in là

con tant d’oeucc e sospiren guardand chi.

Servel, che vegni subit anca mi». 

Giuseppe Fontana, 1938