La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “Nanni Svampa

Ciao Nanni

Gli ero molto legata…sarà che era di Porta Venezia, la “mia” zona, dove abitava in una casa di ringhiera; sarà che ha soggiornato pure come sfollato a Porto Valtravaglia, paese che anche è nel mio cuore; sarà che cantava spesso in dialetto milanese; sarà che in questa lingua aveva tradotto anche le canzoni di George Brassens; sarà che era anche un jazzista di valore…ecco, sarà per tutte queste cose che lo amavo.

Ed oggi mi trovo a dire addio a Nanni Svampa, lo storico fondatore dei Gufi, il gruppo cabarettistico formato da lui, Lino Patruno, Roberto Brivio e Fiorenzo Magni, ma soprattutto cantastorie di una Milano che non c’è più.

 

 

Al mercaa de Porta Romana

Per ‘na stòria de quatter scigoll

Tucc i dònn, saran staa ona vintenna,

S’eren miss adree a fà question.

A pè, in bicicletta, de corsa

Riven i ghisa e on quaj pollee

Poeu on quajvun el se scalda e’l vosa

Per fermaj e per faj tasè. 

Mì me par che anca i pussee stupid

Quand se tratta de ciappaj su

Ben o mal, tanto ormai l’è inutil,

Van via tucc e ne parlen pú.

Lilinscì inveci de moccala

S’inn scaldaa tucc anmò pussee

E han taccaa a dà via bòtt devvera

Contra i ghisa e adòss ai pollee. 

Quand hoo vist i donnett per terra

Ch’eren ‘dree a ciappaj su de bon

M’è vegnuu come ona gran voeuja

De saltà giò a dagh ona man.

Del sest pian dove che gh’hoo la stanza

Ghe vosavi giò ‘mè on strascee :

« Daj ch’hinn còtt, che gh’han troòpa panscia !

Forza dònn, degh adòss, alé !! » 

A ‘n bell moment voeuna la se tacca

Ai calzon d’on vecc maresciall

Che’l caiss el se sbatt el vosa :

« Abass le legg e cchi le ffa ! »

‘N’altra la salta sú ‘me ona bissa

e la streng fort in mezz ai ciapp

El crapon del sergent di ghisa

Che’l se mett a crià ‘mè on matt. 

La pussee grassa de la banda

La sbottònna el sò reggipett

E a tucc quej che ghe gira intorna

La ghe mòlla cazzòtt coi tett.

Che casòtt : i pollee che vosen

E i donnett che ghe van adòss.

Se sa minga indove l’è che picchen

Fatto sta che se sent i òss. 

Quand han vist ch’han vinciuu la guerra

Che faseva pú nient nissun

I donnett s’hinn sbassaa per terra

A cattà su ancamò i scigoll.

Gh’è restaa però ona gran voeuja

De ‘ndà indree a streppagh via i marron.

Meno mal gh’i aveven minga,

Se de nò gh’el faseven de bon !

 


si riparte

…e domenica ritorno nella mia città di adozione…

sembra strano, bolzanina di nascita e di residenza ufficiale, per metà trentina e per metà casertana, ma quella che considero la mia città resterà sempre Milano…e dire che non la sopportavo… e non vedo l’ora di ritornarci