La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “Mina

Bruno Canfora

Ricordando Bruno Canfora, con una delle sue canzoni che mi piacciono di più

 

Annunci

Ricordando Paolo Limiti

Ha scritto i bellissimi testi di molte canzoni…questa è una delle mie preferite, nell’interpretazione di Mina

 


Segreti e silenzi

silenzio_119_parte_lago_teatrosilenzio4Quando una persona mi piace moltissimo
non ne dico mai il nome a nessuno :
è come rinunciare a una parte di lei.
Ho imparato ad amare il segreto :
mi sembra l’ unica cosa che può
rendere misteriosa – o splendida –
la vita moderna.

Oscar Wilde


E mi manchi

 

Missing Jigsaw Puzzle Piece

Missing Jigsaw Puzzle Piece

Succede che una mattina ti svegli e vedi che fuori non piove più e allora ti chiedi – beh? Che è successo?
Ecco, quella mattina successe a me che da tanto tempo non amavo, ma non per chissà quale motivo, non amavo e manco io sapevo il motivo preciso, ma forse sì che lo sapevo: che senso poteva avere per me l’amare se non amare che te?
Quella mattina io avevo una gran voglia di dirti – ti amo -, almeno credo.
Quanto mi manchi amore mio. Certo, io lo sapevo già dentro di me di questa cosa che mi manchi ma l’ho capita bene solo quando fuori ha smesso di piovere e a me mi giocava il cuore.
È che prima avevo la scusa per non vedere il sole, pioveva, mica era colpa mia, ma le nuvole ora sono andate via portandosi dietro tutte le scuse. Ok, tu non ci sei, ok, ma va bene, va bene anche se va male, va bene perché io ti amo lo stesso.
C’è come un diario che ho chiuso nel petto, sento che devo tirarlo fuori e devo farlo senza schemi se non gli schemi che mi porto nel cuore.
Ah! Mannaggia mannaggia, mannaggia al cuore che non sa far calcoli ma che pure spesso sbaglia i conti.
Ma io non ero riuscito a dirti quel ti amo.
Era una primavera quando andasti via, lo ricordi? Io cercavo di farmi forza, la vita andava avanti sentivo dirmi da tutti.
Quando te ne sei andata io mi sono un po’ rincoglionito.
Mi persi, diciamoci la verità, perdendoti io mi persi. E tu? Ah! No scusa, non volevo chiederti se anche tu ci sei rimasta male, era un e tu come stai? Roba del genere insomma, un e tu cosa fai ora? Che stai facendo adesso, adesso è in questo momento, che stai facendo in questo momento? Non mi interessa cosa stai facendo nella vita, io non ci sono più nella tua vita, cosa vuoi che mi importi?
Sicuramente starai facendo tante cose belle, bellissime, ma a me importa adesso, adesso adesso mi importa, adesso in questo momento. Io adesso ti sto pensando facendomi del male. Io vorrei non pensarti ed averti invece qui, qui vicino a me.
Ma non ci sei. Non voglio pensarti ma non lasciarmi solo, non andare via anche dai miei sogni.
Tu dolce ferita mi tagli il cuore, ma io sorrido sai? Non mi fa male questo maledetto male. Sorrido perché dentro ci sei te e ti vedo, almeno posso vederti. Ti vedo pure che dai un bacio a quello lì e questo un pò a dirti il vero mi fa incazzare.
Ma tu non lasciarmi lo stesso, tienimi con te pure se sono incazzato.
Tienimi con te. Non mi fa male la ferita al cuore, no, non mi fa male, sei tu che non ci sei, non andare via oltre.
A volte mi sento tanto forte da poterti dire che non esisti senza di me.
Ma non è vero sai? È che ci provo ad andare avanti, bisogna comunque provarci o almeno provo a convincermi che bisogna provarci.
Fossi riuscito a dirti ti amo oggi me ne fotterei della pioggia che smette o che non smette, facesse cosa cavolo vuole la pioggia, fossi riuscito a dirti ti amo io ora non sarei qui a pensare a dimenticarti senza cancellarti.
Sei incancellabile tu.
Sei come quelle macchie di inchiostro sul taschino della camicia, solo che sulla camicia ci puoi mettere una giacca, un maglioncino, ma su di te cosa ci posso mettere?

Charles Bukowskj

 

E ritrovare gli amici del posto
l’odore del bosco
quel vento caldo che mi spettina piano
le serate su un divano
a cantare canzoni d’amore
senza sapere le parole,
e poi ridere, scherzare
farsi raccontare
le mille storie del cuore.
Sorseggio un pò il caffé
penso molto a te
il tempo passa in fretta ma
mi manchi,
un’altra sigaretta
ma mi manchi,
tiro il fiato e guardo su,
circondata dal silenzio,
gli amici intorno a me
io parlo e penso a te,
sorrido, abbasso gli occhi e tu
mi manchi,
le carte sopra il tavolo
e mi manchi
gioco il cuore, penso a te,
se tu fossi qui con me
sarebbe un’emozione
un splendida occasione
per ricominciare
ma è solo un’illusione,
soltanto un’illusione
da dimenticare.

Sorseggio un pò il caffé
e penso ancora a te,
la luce che rinasce
tu mi manchi,
tra poco sarà giorno
e tu mi manchi,
vedo il sole andare su
circondato dal silenzio,
gli amici intorno a me,
saluto e sento che
è stato bello ritrovarsi ancora,
la festa ormai è finita già da un’ora,
torno a casa e penso che
ci mancavi solo te.


Mina

Mina compie oggi 75 anni. Mia madre mi rallegrava cantando “Le mille bolle blu”,

canzone che mi faceva sempre tanto ridere assieme a “Tintarella di luna”…poi Mina è maturata come interprete, diventando in assoluto la migliore nel panorama italiano. Qui una delle canzoni che più apprezzo (ma le sue sono TUTTE belle, grazie alla sua voce inconfondibile).

C’è che stasera non mi va

di fingere con te

stavolta parlo e non mi pento

è inevitabile tra noi

chiarire prima o poi

rischiando tutto in un momento

credimi, non so più vivere così

non so dove ho sbagliato

so di averti dato

tutto il bello che ho di me

 

la cena è pronta già da un po’

sai che t’aspetterò

leggendo sul divano bianco

è un abitudine oramai

tra poco arriverai

portando il tuo sorriso stanco

guardati, va tutto bene tra di noi

ma ti si legge in faccia

che per altre braccia

tu dimentichi chi sei

 

che male che mi fa

mi fai sentire stupida

per me amore è solo verità

sempre, sempre

 

no, bugiardo no

piuttosto ti combatterò

basta favole

ed io che ascolto con amore

ore…ore…e ore

 

non ci pensi mai

che forse mi rimpiangerai

tu rispettami

oppure perdimi se vuoi….vuoi…

 

c’è che stasera non m i va

di piangere per te

ti guardo e non ti riconosco

chissà che qualche volta anch’io

non faccia a modo tuo

e poi magari ti ferisco

odiami, almeno sento che ci sei

io te lo leggo in faccia

che tra le mie braccia

tu col cuore te ne vai

 

che rabbia che mi fa

sentirmi così stupida

per me è amore se c’è verità

sempre, sempre

 

no, bugiardo no

non dirmi ancora cambierò

basta favole

ed io che aspetto con amore

ore…ore…e ore

non ti accorgi mai

di tutto il male che mi fai

tu rispettami

oppure perdimi se vuoi…….vuoi…

vuoi?! ……se … vuoi



Ballata d’autunno

Piove, là dietro la finestra
piove, piove
sopra quel tetto rosso e spaccato
sopra quel fieno tagliato
sopra quei campi piove.
Si gonfia di grigio il cielo
e il suolo è già grondante di foglie
si è profumato d’autunno.
Il tempo che si addormenta
mi sembra
un bimbo in braccio al vento
come in un canto d’autunno.
Una ballata d’autunno
un canto triste di malinconia
vien dietro al giorno che va via,
una ballata in autunno
pregata a voce spenta
soffiata come un lamento
che canta il vento.

Piove, là dietro la finestra
piove, piove
sopra quel tetto rosso e spaccato
sopra quel fieno tagliato
sopra quei campi piove.
Io ti racconterei
che sta bruciandosi l’ultimo legno al fuoco e poi
che la mia povertà
è anche di un sorriso ché sono sola ormai
ma io da sola son finita
e ti racconterei
che i giovani son giovani perché non sanno mai
che no, non è la vita
la bella cosa che, che loro gira in mente
io questo lo so.
Magari si potesse del domani e del passato
dire quello che ho sognato.
Ma il tempo passa
e ti canta, pian piano
con voce sempre più stanca
una ballata d’autunno.
Piove, là dietro la finestra
piove, piove
sopra quel tetto rosso e spaccato
sopra quel fieno tagliato
sopra quei campi piove.


Il corvo

corvo_crow_by_igreeny-d5v3y9o

 

 

Era una cupa mezzanotte e mentre stanco meditavo
Su bizzarri volumi di un sapere remoto,
Mentre, il capo reclino, mi ero quasi assopito,
D’improvviso udii bussare leggermente alla porta.
“C’è qualcuno” mi dissi ” che bussa alla mia porta
Solo questo e nulla più. ”
Ah, ricordo chiaramente quel dicembre desolato,
Dalle braci morenti scorgevo i fantasmi al suolo.
Bramavo il giorno e invano domandavo ai miei libri
Un sollievo al dolore per la perduta Lenore,
La rara radiosa fanciulla che gli angeli chiamano Lenore
E che nessuno, qui, chiamerà mai più.
E al serico, triste, incerto fruscio delle purpuree tende
Rabbrividivo, colmo di assurdi tenori inauditi,
Ebbene ripetessi, per acquietare i battiti del cuore:
“È qualcuno alla porta, che chiede di entrare,
Qualcuno attardato, che mi chiede di entrare.
Ecco: è questo e nulla più”
Poi mi feci coraggio e senza più esitare
“Signore, ” dissi “o Signora, vi prego, perdonatemi,
Ma ero un po’ assopito ed il vostro lieve tocco,
Il vostro così debole bussare mi ha fatto dubitare
Di avervi veramente udito”. Qui spalancai la porta:
C’erano solo tenebre e nulla più. ”
Nelle tenebre a lungo, gli occhi fissi in profondo,
Stupefatto, impaurito sognai sogni che mai
Si era osato sognare: ma nessuno violò
Quel silenzio e soltanto una voce, la mia,
Bisbigliò la parola “Lenore” e un eco rispose:
“Lenore”. Solo quello e nulla più.
Rientrai nella mia stanza, l’anima che bruciava.
Ma ben presto, di nuovo, si udì battere fuori,
E più forte di prima. “Certo” dissi “è qualcosa
Proprio alla mia finestra: esplorerò il mistero,
Renderò pace al cuore, esplorerò il mistero.
Ma è solo il vento, nulla più. ”
Allora spalancai le imposte e sbattendo le ali
Entrò un Corvo maestoso dei santi tempi antichi
Che non fece un inchino, né si fermò un istante.
E con aria di dame o di gran gentiluomo
Si appollaiò su un busto di Palladie sulla porta
Si posò, si sedette, e nulla più.
Poi quell’uccello d’ebano, col suo austero decoro,
Indusse ad un sorriso le mie fantasie meste,
“Perché” dissi “rasata sia la tua cresta, un vile
Non sei, orrido, antico Corvo venuto da notturne rive.
Qual è il tuo nome nobile sulle plutonie rive? ”
Disse il Corvo: “Mai più”.
Ma quel corvo posato solitario sul placido busto,
Come se tutta l’anima versasse in quelle parole,
Altro non disse, immobile, senza agitare piuma,
Finché non mormorai: “Altri amici di già sono volati via:
Lui se ne andrà domani, volando con le mie speranze”
Allora disse il Corvo: “Mai più”.
Trasalii al silenzio interrotto da un dire tanto esatto,
“Parole” mi dissi “che sono la sua scorta sottratta

A un padrone braccato dal Disastro, perseguitato
Finché un solo ritornello non ebbe i suoi canti,
Un ritornello cupo, i canti funebri della sua speranza:
Mai, mai più”.
Rasserenando ancora il Corvo le mie fantasie,
Sospinsi verso di lui, verso quel busto e la porta,
Una poltrona dove affondai tra fantasie diverse,
Pensando cosa mai l’infausto uccello del tempo antico.
Cosa mai quel sinistro, infausto e torvo anomale antico
Potesse voler dire gracchiando “Mai più”.
Sedevo in congetture senza dire parola
All’uccello i cui occhi di fuoco mi ardevano in cuore;
Cercavo di capire, chino il capo sul velluto
Dei cuscini dove assidua la lampada occhieggiava,
Sul viola del velluto dove la lampada luceva
E che purtroppo Lei non premerà mai più.
Parve più densa l’aria, profumata da un occulto
Turibolo, oscillato da leggeri serafini
Tintinnanti sul tappeto. “Infelice” esclamai “Dio ti manda
Un nepente dagli angeli a lenire il ricordo di Lei,
Dunque bevilo e dimentica la perduta tua Lenore! ”
Disse il Corvo “Mai più”.
“Profeta, figlio del male e tuttavia profeta, se uccello
Tu sei o demonio, se il maligno” io dissi “ti manda
O la tempesta, desolato ma indomito su una deserta landa
Incantata, in questa casa inseguita dall’Onore,
Io ti imploro, c’è un balsamo, dimmi, un balsamo in Galaad? ”
Disse il Corvo: “Mai più”.
“Profeta, figlio del male e tuttavia profeta, se uccello
Tu sei o demonio, per il Cielo che si china su noi,
Per il Dio che entrambi adoriamo, dì a quest’anima afflitta
Se nell’Eden lontano riavrà quella santa fanciulla,
La rara raggiante fanciulla che gli angeli chiamano Lenore”.
Disse il Corvo: “Mai più”.
“Siano queste parole d’addio” alzandomi gridai
“uccello o creatura del male, ritorna alla tempesta,
Alle plutonie rive e non lasciare una sola piuma in segno
Della tua menzogna. Intatta lascia la mia solitudine,
Togli il becco dal mio cuore e la tua figura dalla porta”
Disse il Corvo: “Mai più”.
E quel Corvo senza un volo siede ancora, siede ancora
Sul pallido busto di Pallade sulla mia porta.
E sembrano i suoi occhi quelli di un diavolo sognante
E la luce della lampada getta a terra la sua ombra.
E l’anima mia dall’ombra che galleggia sul pavimento
Non si solleverà “Mai più” mai più.