La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “Hamas

Quando…

 

Quando provochi l’assassinio di tre adolescenti innocenti;

Quando attacchi uno stato e sai che militarmente non sei in grado di batterlo;

Quando ti propongono una tregua e la rifiuti;

Quando le madri inneggiano ai figli martiri, incitandoli a farsi uccidere;

Quando obblighi la tua gente a restare nelle case, sapendo che queste saranno bombardate e utilizzi i civili come scudo;

Quando sai che certamente in questo conflitto avrai dei morti;

Allora sei responsabile di queste vittime anche se materialmente le ha uccise il tuo nemico.

 


Conflitto arabo-israeliano

bandiera-israele2

Risposta a Lezapp

Allora mettiamola così: per gli ebrei (ma solo per loro) è ANCHE una questione religiosa, in quanto la Palestina è la terra a loro destinata da Dio. Per questo motivo, alcuni coloni decisero di ACQUISTARE le prime terre ancora alla fine del 1800. Uno dei primi insediamenti, un quartiere ebraico a Gerusalemme, fu opera di Moses Montefiore, ebreo di origini livornesi.

Il pogrom in Russia conseguente all’assassinio dello zar Alessandro II costrinse molti ebrei ad emigrare in quelle terre acquistando con il denaro del Fondo nazionale ebraico molti terreni INCOLTI. Il primo kibbutz data infatti dal 1909 (Deganya), stesso anno della fondazione di Tel Aviv. All’atto dello scoppio della prima guerra mondiale, in Palestina c’erano già 85mila ebrei, molti dei quali si arruolarono nella Legione ebraica combattendo a fianco degli inglesi contro l’impero ottomano. In seguito a ciò la dichiarazione di Balfour sancì il diritto degli ebrei di avere una patria e questo scatenò l’ira araba. Notare che le prime cose che facevano gli ebrei era quella di bonificare i terreni incolti, irrigandoli e rendendoli coltivabili. Ovvio che questo ingolosiva i palestinesi che si trovavano così a vedere dei campi fertili e produttivi.

Altri ebrei giunsero tra il 1919 ed il 1922, fino a che la Società delle Nazioni affidò il mandato della Palestina alla Gran Bretagna che nell’anno seguente staccò dalla Palestina la Transgiordania, consegnandola agli arabi.

Gli arrivi di ebrei intanto si susseguirono, specie con l’avvento di Hitler , finché il Governatorato inglese (Commissione Peel), per evitare tensioni, decise di suddividere la Palestina in due territori, ma questo provvedimento non incontrò il favore arabo.

A proposito di Hitler, la soluzione iniziale, prima del genocidio, era quella di caricare su una nave tutti gli ebrei residenti in Germania (naturalmente dopo la spoliazione dei loro beni) e deportarli in Israele (Haavara). Poi sappiamo come andò a finire.

Dall’ascesa di Hitler arrivarono in Palestina oltre 160mila ebrei, la maggior parte intellettuali, professionisti e studiosi, che costituirono la futura classe dirigente dello stato. Gli inglesi vollero limitare il numero dei nuovi arrivi a 15mila annui, ma gli ebrei si organizzarono creando reti clandestine armate per combattere gli inglesi. Dopo la fine della guerra (nella quale un’altra Legione ebraica affiancò gli Alleati contro i Gran Muftì di Gerusalemme che sosteneva la Germania), un’altra ondata di profughi si riversò in Palestina, spesso respinti dal blocco navale inglese che li dirottava a Cipro o addirittura li rimandava in Germania, come nel caso della Exodus.

Nel 1947 le Nazioni Unite approvarono la suddivisione della Palestina in due stati: opzione accettata dagli ebrei ma osteggiata dai palestinesi. Finito il mandato britannico nel 1948, il giorno seguente (15 maggio) fu proclamata la nascita dello stato di Israele, ma subito dopo Giordania, Egitto, Irak, Siria ed un contingente saudita invasero il nuovo stato, mentre molti palestinesi lasciavano le loro terre per approdare nei campi profughi con la promessa che le terre sarebbero state riconsegnate loro. Israele riuscì comunque a stipulare trattati d’armistizio con i vari stati, separatamente. In questi accordi veniva riconosciuta l’appartenenza del Negev e della Galilea ad Israele, della Cisgiordania alla Giordania e la striscia di Gaza all’Egitto.

Con la “Legge del ritorno” Israele aprì le sue frontiere a tutti gli ebrei che volevano ritornare dalla Diaspora, concedendo loro subito lo status di cittadini israeliani.

Il resto è storia “quasi” odierna. Il blocco del canale di Suez che provocò la guerra del Sinai è del 1956, ed i territori conquistati furono restituiti l’anno seguente in cambio di un accordo bilaterale.Ma nel 1967 l’Egitto provò nuovamente a chiudere il canale, provocando la “guerra dei sei giorni” impadronendosi della striscia di Gaza. Questo inasprì i rapporti diplomatici che dichiararono di non voler più accettare nessun negoziato con Israele, e nel 1973 scatenarono la guerra del Kippur, venendo sconfitti per l’ennesima volta. Ci furono poi i negoziati con la mediazione di Kissinger, e gli accordi di Camp David. Si chiudeva un fronte e se ne apriva un altro. Questa volta contro il Libano, il che portò le truppe israeliane alle porte di Damasco. Nel corso di questa guerra si verificò il massacro di Sabra e Chatila ad opera di falangisti libanesi, massacro che portò alle dimissioni di Ariel Sharon, ministro della difesa. Intanto era nata l’Intifada: donne, bambini e ragazzi che lanciavano pietre e molotov contro l’esercito regolare israeliano che non poteva certo rispondere con le armi convenzionali.

Dopo la guerra del Golfo, Israele (sotto la presidenza di Rabin) iniziò a negoziare con l’OLP, ed in seguito all’accordo di Oslo, Yasser Arafat ritornò a Gaza ed in Cisgiordania.

Le tensioni però continuarono: ci furono le stragi di coloni ad opera di Hamas, l’uccisione di 30 palestinesi ad Hebron (Tombe dei Patriarchi) ed infine l’attentato a Rabin, ucciso a Tel Aviv , poi tutta una serie di attentati terroristici ad opera di Hamas, cui seguiva puntualmente la rappresaglia israeliana.

E la storia continua: l’odio ormai è troppo radicato e difficile da estirpare.

Come vedi, la religione non c’entra per nulla…almeno a mio parere.

 


Tre ragazzi

treragazzi10448248_518673064925932_5785113564454598067_n

 

 

L’ immagine dell’odio
Commento di Deborah Fait

 

comizzoli266

Quando ho visto questa foto mi si è gelato il  sangue nelle vene, non potevo credere, pensavo di avere le traveggole perché non è umana una cosa simile, non è possibile che un essere pensante arrivi ad essere tanto malvagio.
Ho pensato  ai nazisti, quelli che si facevano fotografare ridendo mentre tiravano dei vecchi ebrei per la barba o mentre li bastonavano o mentre, sghignazzando soddisfatti, tenevano aperti i portelli dei  forni crematori e si mettevano in posa davanti alla macchina fotografica.
La donna nella foto, quella che fa il tre e che unisce come a dire OK le due dita che le rimangono, e fa questo gesto osceno davanti a un forno acceso si chiama Samantha Comizzoli, una sconosciuta che sta diventando famosa per il suo amore per il terrorismo palestinese e il suo odio per gli ebrei, un odio viscerale, un odio profondo, radicato come un cancro maligno dentro di lei. Quale marciume deve avere nel cervello una donna simile? Una putrefazione di sentimenti, una cancrena al posto del cuore.
Questa donna, sul suo blog, scrive che “tre coloni soldati”  sono stati rapiti 10 giorni fa, significa che  nel momento in cui scriveva queste parole sapeva che i tre rapiti erano  ragazzini,  non  soldati, erano dei ragazzini ebrei non dei coloni, ragazzini ebrei cui lei augura di finire in un forno crematorio.

http://samanthacomizzoli.blogspot.co.il/

Nelle sue pagine di FB pubblica, oltre a se stessa davanti al forno,  la foto della bambina araba di Gaza, di tre anni, uccisa da un missile di Hamas che doveva finire in Israele e che invece ha sbagliato traiettoria  andando a colpire una casa palestinese. La Comizzoli  maledice i sionisti per averla ammazzata. Persino Rosa Schiano  la contraddice ricordando che si è trattato di un incidente “interno”, e alle sue proteste aggiunge “fai schifo”

https://www.facebook.com/samantha.comizzoli

Rosa Schiano non è certamente un’ amica di Israele, è quella che ha preso, a Gaza, il posto che fu di Vittorio Arrigoni , ammazzato dai suoi adorati  palestinesi perchè gay. La Schiano odia Israele ma persino lei, di fronte alle  menzogne troppo smaccate della  collega, si arrabbia, forse perchè teme di perdere credibilità nel suo lavoro di propaganda antiisraeliana. E’ una lotta tra primedonne odiatrici che si affrontano sul web per guadagnarsi il titolo di leader filoterrorista . Infatti al “fai schifo” della Schiano  lei reagisce  bannandola dal suo FB.

http://www.left.it/2014/04/10/arrigoni-hanno-ucciso-vik-per-colpire-la-speranza-intervista-a-rosa-schiano/15829/

Lotte interne: persino condividendo l’odio per Israele  non sanno andare d’accordo. Esattamente come i  palestinisti che, appena possono, si scannano tra loro.
Ecco cosa dice della Comizzoli Paolo Barnard, sapete, quella specie di ex giornalista

http://paolobarnard.info/chi.php

che scriveva contro Israele cose inenarrabili  e che ha detto delle donne (cito perciò chiedo scusa) “Le donne sono tutte troie, inclusa mia madre, mia moglie e la mia fidanzata, e le altre 16 che mi scopo”.    Un Signore, insomma!

http://www.tvblog.it/post/527731/paolo-barnard-cacciato-da-la-gabbia-per-offese-alle-donne-e-insulta-paragone-affogati-sei-uno-zero

Costui che odia le donne, persino sua madre,  pare  adori quelle platealmente antisemite e dall’ animo nazista.

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=791

Al di là di ogni ragionamento che a me non riesce di fare freddamente, mi chiedo come sia possibile che una donna apparentemente normale arrivi a riempirsi di un odio così irragionevole e feroce al punto di augurare a tre ragazzini ebrei di finire in un forno come i 6 milioni della Shoà e come lei, alla luce di quanto esprime sul web,  spera accada a tutti gli ebrei che ancora esistono nel mondo.

Una persona  posseduta dall’odio antisemita.

Deborah Fait

da “L’informazione corretta”

 

invece su “Il fatto quotidiano”

Commento di tal Nicola Morella sul FQ.
“Nessun dubbio. A Israele non importa sapere chi sia stato, magari sono stati loro stessi. L’importante è distruggere la Palestina.”

 

 

La chiusa è mia:

I soliti stronzi che blaterano tanto contro Israele per ora stanno zitti, salvo riprendere a puntare il dito in caso di GIUSTA rappresaglia.

Certa gentaglia come quel tale Morella  nella scatola cranica al posto del cervello ha solo segatura. Se avesse il vuoto farebbe meno danni.


A proposito d Israele

A costo di litigare con mezzo mondo, ma io sto con Israele. Tutti la condannano, ma non considerano che Israele sta facendo solo rappresaglia, e la prima a rimpere le tregue ed attaccare obiettivi civili a mezzo lanci di  missili è sempre e solo Hamas, la quale poi si fa pure scudo con innocenti. Anche sul nostro forum di Parole riflesse ho postato le mie riflessioni, che riposro qui di seguito, rispondendo così ad una richiesta di Dolly che invitata a firmare una petizione per la  cessazione delle ostilità a Gaza
 

 

Cara Sciura,

mi scuso per la lunghezza del testo, ma è funzionale a quanto voglio esprimere.

Ho visitato il link che hai citato per la pace nella striscia di Gaza e sono rimasta MOLTO perplessa.

Innanzitutto non si fa menzione alla cessazione del lancio di razzi da parte di Hamas, ma solo al ritiro delle truppe israeliane ed alla fine dei bombardamenti da parte degli stessi, come se gli Ebrei fossero la causa e non l’effetto di tante sciagure. Poi la lista dei firmatari..tutti “sinistrorsi” o quasi. Ti capisco, sei giovane ed alla tua età pendevo anch’io da quella parte, imbevuta di falsi idealismi. Poi con il passare degli anni mi sono resa conto della falsità e della faziosità di tante associazioni, di tanti partiti e di alcune sigle sindacali, e te lo dice una che ha vissuto certe cose dall’interno.

Firmare in calce quell’appello non servirà assolutamente a niente finchè Hamas non sarà messo fuori legge, e con esso i suoi folli propositi di annientamento di Israele. Del resto già tanti palestinesi cominciano ad averne le scatole piene di terroristi che usano i civili, tra cui bambini, come scudi umani per i loro obiettivi strategici (ed a tale scopo ti allego 2 filmati di youtube, nonché il link passatomi da una carissima amica ebrea sulla faziosità delle notizie che ci vengono propinate giornalmente dai nostri mass media, RAI3 e Televideo in testa..tralascio volutamente alcune testate giornalistiche…). Vedere le immagini di ragazzini presi in ostaggio o costretti all’istruzione militare, o addirittura di bimbi di pochi mesi imbottiti di tritolo, questo sì mi scandalizza e mi amareggia, tanto più che questo viene spacciato come sacrificio in nome di Dio..Ci rendiamo conto? IN NOME DI DIO! L’assassinio di poveri innocenti..Allora no, non ci sto, ed allora io, non credente, davanti alla protervia islamica che brucia bandiere israeliane e si permette di profanare il sagrato delle nostre chiese, alla croce che già porto al collo, aggiungerò

anche la stella di Davide, ma la mezzaluna islamica, simbolo di violenza, quella MAI.