La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “Grillini

Similitudine

Sento parlare i grillini e mi vengono in mente i Borg, quelle entità semiumane e con un’unica mente che indirizza i loro pensieri ed azioni, protagoniste della serie Star Trek, The next Generation.
Parlano tutti allo stesso modo, esprimono tutti i medesimi concetti, nessuno che si discosti dal “pensiero unico” dettato dal duo Casaleggio-Grillo: tale e quale l’intero esercito Borg che è dotato di un impianto corticale che lo mette in comunicazione con la Regina, l’unica testa” pensante” del complesso.

E simili ai Borg, i grillini distruggono tutto quello che trovano sul loro cammino. Spero solo che non si avveri il loro motto.

“Non fate resistenza , verrete assimilati”


Ma mi faccia il piacere

Come ho scritto poco tempo fa, manderei i grillini a fare un po’ di ripasso di matematica… I sondaggi lanciati sul sito del comico (e non politico) genovese sono semplicemente ridicoli e non rappresentano affatto una maggioranza. Sono semplicemente l’espressione di una piccola parte di coloro che seguono le sue idee e non certamente della maggioranza degli italiani, molti dei quali addirittura non collegati ad internet e quindi esclusi dal poter dire la loro opinione. Poveri noi se dovessimo cadere nelle mani di costoro, beceri quantomai, retrogradi (certo, perché sono contro ogni sviluppo moderno, internet escluso), irrispettosi delle istituzioni e delle normative (questo in comune con altri movimenti passati e presenti), moltissimi addirittura ignoranti riguardo alla legislazione, facilmente manovrabili come burattini dai loro guru Grillo e Casaleggio (e manco se ne accorgono), volgari, e chi ne ha più ne metta. Potenza della comunicazione…e poi parlavano di Berlusconi e delle sue televisioni?

Ma mi faccia il piacere!


Educazione

I Grillini, si sa, non riscuotono le mie simpatie, ma se una loro rappresentante viene schiaffeggiata in aula da un parlamentare di Scelta civica, che di civico ha ben poco, ha tutta la mia solidarietà.


Inviato dal Veloce promemoria


Il pollaio

Come un maestro vecchio stampo, Napolitano ha rimproverato tutti. Gli argomenti che ha apportato sono ovvi, quali la collaborazione tra i vari partiti – specialmente i maggiori -, prescindendo dalle ideologie, ed iniziando dalle cose che accomunano e dagli argomenti più urgenti per il bene del paese, quali l’occupazione ed il rilancio dell’economia (che sono poi tra i punti segnalati dai dieci “saggi”).

Tutti al momento applaudono, tranne i soliti grillini, ma già poco dopo iniziano i paletti… La Lega, tramite Maroni, avrebbe posto il veto su Amato, memore dello scippo attuato sui conti bancari, anche se Amato ha dichiarato che non avrebbe più proposto una simile manovra; il Sel è restio ad un qualsiasi governo di larghe intese se questo prevede la partecipazione del PdL. Lo stesso ha fatto Fratelli d’Italia, restio ad un governo Amato per le sue passate militanze nelle fila craxiane, anche se sarebbe disposto ad appoggiare un’eventuale guida di Renzi… E difficile sarà anche mettere d’accordo le due anime del PD, la vecchia e la nuova.

Intanto Grillo annuncia sfracelli e la bancarotta dell’Italia entro l’autunno, incurante che le sue dichiarazioni possano affossare la Borsa. Ricorda tanto il “muoia Sansone con tutti i Filistei”, crollerò io (come è successo ieri in Friuli Venezia Giulia), ma nessuno sopravviverà. Davvero un alto senso dello stato!

E nel frattempo, nel PD si sta giungendo alla resa dei conti…fratelli coltelli. E mi fa specie vedere che danno ancora la parola alla Bindi…

Il pollaio è tutto in movimento.


Appunti

Ce ne sarebbero stati molti di argomenti da commentare in questi giorni di assenza.

– Un ricordo per Margaret Thatcher, grande statista (non certamente una politicante) che ho sempre ammirato, anche se avversata da molti, ma se ora la ran Bretagna è quello che è, è grazie alla sua politica.

– Un’altra sequenza di suicidi per la difficile situazione che stiamo vivendo, che hanno meravigliato la Boldrini, ignara che nel nostro paese ci fosse tanta miseria: se avesse guardato più vicino, invece di pensare esclusivamente ai clandestini…ops, ai diversamente italiani, dato che il primo termine deve essere bandito.

– Il riconoscimento che il Financial Times ha attribuito allo svedese Ander Borg, quale miglior ministro europeo delle Finanze, uno che non ha conseguito una prestigiosa laurea alla Bocconi, ma è in possesso di un semplice diploma di liceo, però ha abbassato la pressione fiscale nel suo paese rilanciando così l’occupazione, tutto il contrario di quanto ha fatto il governo Monti.

– I “saggi” che latitano e non servono assolutamente a nulla.

– Bersani, che temporeggia peggio di Quinto Fabio Massimo nella costituzione di un governo e che si è deciso ad un abboccamento con Berlusconi.

– Il quale Bersani per contrastare la povertà che fa? Invece di darsi una mossa e proporre qualcosa di tangibile, organizza una marcia, come se una manifestazione del genere servisse a qualcosa.

Ad un mese e mezzo dalle elezioni siamo ancora in pieno stallo: lo titola il Sole 24 ore, lo pubblica con inserzioni a piena pagina la Confindustria… Niente all’orizzonte.

La crisi economica è seria e ricorda, anche se non a quei livelli, il periodo antecedente la repubblica di Weimar, e i grillini occupano il parlamento, (ma solo fino ad una certa ora per risparmiare corrente… ): tutto questo mi ricorda tristemente qualcosa!


I grandi amori

A volte anche i grandi amori finiscono. Qui a Milano tanti che avevano sostenuto e votato Pisapia cominciano a mugugnare. Causa principale la congestion charge, ossia la tassa d’ingresso entro la cerchia dei bastioni che colpisce con l’importo di 5 euro a botta ogni passaggio entro questi limiti, incluso le associazioni di volontariato e, anche se in misura minore, pure chi abita entro la cerchia. In poche parole, se uno usa la propria auto per uscire da Milano, al ritorno, per rientrare, deve pagare. E fin qui ci si sta, male, ma ci si sta. La porcata è stata quella di aumentare il prezzo del biglietto dei mezzi pubblici del 50% (cinquanta), anche se la durata dello stesso e’ passata da 75 a 90 minuti. In percentuale minore sono aumentati anche gli abbonamenti di qualsiasi genere. Ma come, mi tassi se uso l’auto per costringermi ad usare i mezzi pubblici e mi aumenti pure quelli? E non è il solo motivo di lamentela….pure il guru Celentano si è lamentato dicendo che la situazione non è cambiata dalla precedente amministrazione.

E’ cambiata invece, ma in peggio. In metropolitana sono ripresi i questuanti, per strada, anche in centro, le vendite abusive, ai semafori, pochi, ma in continuo aumento, ci sono, i lavavetri,

i Rom sono raddoppiati e stanno risorgendo gli insediamenti abusivi.

Lo stesso PD ha condannato il mancato rinnovo del contratto a McDonal’s (per far posto a Prada)

perché secondo il sindaco il fast food è la rappresentanza di un modo di mangiare estraneo alla nostra cultura (e il cibo cinese ed i kebab allora?) e simbolo di un fordismo (boh!)…etc etc

Poi la sua posizione “ondivaga” sulle coppie di fatto: dapprima dà il suo appoggio al registro delle unioni, tanto da costringere la sua vice Guida a difendere la famiglia tradizionale, ed il giorno seguente ritira la sua adesione e la sua firma, tanto da far infuriare sia Luxuria che Grillini.

E non parliamo di IMU, che non può essere assolutamente abbassata! C’è poi il malcontento dei negozianti residenti nell’Area C che lamentano un forte calo delle vendite… E la faccenda di un centinaio di ghisa costretti a fare da giuria in un concorso di cucina promosso da Sky, mentre il costo degli straordinari (6000 euro) invece di essere addebitato all’emittente televisiva viene scaricato sui cittadini.

Ed è passato solo un anno!… Se questo è solo l’inizio, chissà in futuro…