La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “Giuliana Sgrena

L’accattona

 

giuliana_sgrenaUna accattona abituata a mendicare…prima piagnucolando per la sua liberazione, adesso per l’acquisto dei depliants per la sua campagna elettorale. Sarebbe meglio che restituisse i soldi versati per la sua liberazione. Potrebbe fare come la Bacchiddu e mettersi in vendita, almeno quella sulla coscienza non ha il peso dell’ingratitudine per chi l’ha liberata.

sgrenaTsipras

Fare politica in modo diverso vuol dire anche contare solo sulle proprie forze. La campagna elettorale della lista L’altra Europa con Tsipras è autofinanziata, così come quella dei singoli candidati. Ma la campagna elettorale costa, anche se cercherò di ridurre i costi al minimo ed è per questo che chiedo il vostro sostegno, per quel che potete e volete, anche poco perché so benissimo che questo momento è difficile per tutti. Naturalmente anche la trasparenza fa parte del nostro essere diversi e tutte le spese saranno rendicontate. 
Per fare una donazione basta tornare alla mia home page e cliccare sul bottone accanto al marchio sopra l’agenda, oppure fare un versamento

 


Memoria breve

Non ho parole da dire, avrei semmai solo parolacce. Me la ricordo, quella donnicciola, piagnucolante, implorante, che con le mani giunte supplicava che la salvassero dai cattivi talebani. Per liberarla, perse la vita l’alto dirigente del SISMI Nicola Calipari, e furono inoltre sborsati 4,6 milioni di euro.

Adesso la donnicciola in questione fa la dura, si scaglia contro la Ferrari che “osa” correre sul circuito indiano con la bandiera della Marina Italiana sul cofano.

Non commento, altrimenti imprecherei solamente, ma condivido molte delle osservazioni in risposta all’articolo della giornalista (?), del quale allego il link.

http://giulianasgrena.globalist.it/Detail_News_Display?ID=38784&typeb=0&Loid=132&Ferrari-vergogna-

Di certo non mi aspettavo che facesse come Fabrizio Quattrocchi…lei è una donnetta, senza nerbo, senza dignità, senza nulla…senza neppure memoria di quello che le è successo, senza riconoscenza e gratitudine per chi ha perso la propria vita per salvare la sua, perché le divise vanno bene solamente se servono a salvare la sua pellaccia e non considera che i due marò stavano solo compiendo il loro dovere, come lo stava compiendo Calipari. Dispiace solo che sia morto lui e non lei.