La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “Emilio Fede

Per dovere d’ufficio (?)

 

 

970810_501162476636725_2089371006_n

In montagna, al fresco, dopo una buona merenda a base di Kaiserschmarren, mi riposo e me la sto ridendo mentre leggo il fondo di Vittorio Feltri sulla condanna di Emilio Fede….

estratto da “il Giornale” di oggi

“Secondo le accuse, – confermate in sentenza – il giornalista, oltre a mandare in onda i notiziari, mandava zoccole ad Arcore. E che zoccole! Tutte giovani, avvenenti, disponibili per non dire felici di correre in villa allo scopo di assecondare i desideri del principe-satrapo. Di più. Emilio avrebbe compiuto esercizi assai raffinati: non si limitava all’attività di selezionatore all’ingrosso delle candidate; gli è stato attribuito anche il ruoli di assaggiatore. Nel senso che egli, per essere sicuro che le fanciulle fossero all’altezza di cotanto cliente, le avrebbe personalmente sperimentate sul piano orizzontale.

Un bel daffare, povero Fede. Se si sobbarcava tale defatigante impegno, avrà avuto la sua convenienza. Quale? Riscuoteva dalle sgualdrine una percentuale su ogni marchetta? Questo no, non è emerso. Forse percepiva un lauto compenso dall’utilizzatore finale? E’ escluso. Si desume quindi che l’ultraottantenne direttore si sottoponesse gratis alla funzione sfiancante di assaggiatore per compiacere il padrone. Converrà il lettore che a una certa età è difficile e complicato scopare per gusto proprio, figuriamoci per dovere d’ufficio, tra l’altro senza un vantaggio eccetto la gratitudine del padrone.”

Anche scopare su commissione gli toccava? Beh, in effetti è poco plausibile, anche data l’età…però la motivazione dei giudici (anzi, delle giudici…caso strano…tutte donne a giudicare Berlusconi come poi a giudicare fede, Mora e Minetti) questo dice.


Zerbini

Non c’è, anzi non c’era soltanto Emilio Fede, ed almeno lui ammetteva di essere fazioso…

Certi giornali, certi giornalisti sono solo asserviti ai poteri forti, comportandosi da scendiletti del potente di turno. E’ il caso delle fantomatiche lodi che Obama avrebbe fatto a Monti, e che invece il “Fatto” ha sbugiardato.

Obama nel suo discorso non solo non ha tessuto le lodi del nostro “beneamato” premier, ma nemmeno lo ha citato. Quando si dice fare lo zerbino…