La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Articoli con tag “Attilio Bertolucci

Albero d’autunno

foglia

Albero d’autunno
Sporge dal muro d’un giardino
la chioma gialla di un albero.
Ogni tanto lascia cadere una foglia
sul marciapiede grigio e bagnato.


Attilio Bertolucci


Ma se il tramonto

TRAMONTO more02Ma se il tramonto dura sulle cime
degli alberi che chiudono la pianura
soffocata da brume estive, il cielo
è una leggera arida spoglia inerte.

Eterno giorno, che cos’è la morte
quando sui visi radianti si posa
la maschera lucente
del tramonto lentissimo di luglio?

Attilio Bertolucci


I papaveri

papaveri robert william Vonnoh Coquelicot-colorQuesto è un anno di papaveri, la nostra

terra ne traboccava poi che vi tornai

fra maggio e giugno, e m’inebria

d’un vino così dolce così fosco.

Dal gelso nuvoloso al grano all’erba

maturità era tutto, in un calore

conveniente, in un lento sopore

diffuso dentro l’universo verde.

A metà della vita ora vedevo

figli cresciuti allontanarsi soli

e perdersi oltre il carcere di voli

che la rondine stringe nello spento

bagliore d’una sera di tempesta,

e umanamente il dolore cedeva

alla luce che in casa s’accendeva

d’un’altra cena in un’aria più fresca

per grandine sfogatasi lontano.

Attilio Bertolucci

Dipinto di Robert William Vonnoth


Mattino

Dalla finestra aperta

Entran le voci calme

Del fiume,

I canti lontani

Delle lavandaie

Laggiù fra i pioppi e gli ontani,

Presso la pura corrente

Che mormora sì dolcemente

Il fumo dei vapori

Si confonde con quello delle case

Sotto il riso trionfale

Del cielo.

Sull’altra riva, nel viale

Le affiches azzurre

Delle compagnie di navigazione

Riempiono di nostalgia e di illusione

Il cuore degli uomini

Seduti sulle panchine.

Penso a una fanciulla bionda.

Fra poco sarà mezzogiorno

E una gran tenerezza mi invade,

E una voglia di piangere senza perché.

Attilio Bertolucci

Dipinto di Ottorino Bicchi


Fuochi di novembre

Bruciano della gramigna
nei campi,
un’allegra fiamma suscitano
e un fumo brontolone.
La bianca nebbia si rifugia
fra le gaggie,
ma il fumo lento si avvicina
non la lascia stare.
I ragazzi corrono corrono
al fuoco
con le mani nelle mani,
smemorati,
come se avessero bevuto
del vino.
Per lungo tempo si ricorderanno
con gioia
dei fuochi accesi in novembre
al limitare del campo.


Attilio Bertolucci


La rosa bianca

Coglierò per te
l’ultima rosa del giardino,
la rosa bianca che fiorisce
nelle prime nebbie.
Le avide api l’hanno visitata
sino a ieri,
ma è ancora così dolce
che fa tremare.
È un ritratto di te a trent’anni.
Un po’ smemorata, come tu sarai allora.

A.Bertolucci