La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

A’ gatta d”o palazzo ‘A gatta d’ ‘o palazzo

Trase p’ ‘a porta,

pè nu fenestiello,

pè na fenestra, si t’ ‘a scuorde aperta,

quanno meno t’ ‘aspiette.

Pè copp’ ‘e titte,

da na loggia a n’ata,

se ruciulèa pè dint’ ‘a cemmenera.

E manco te n’adduone

quann’è trasuta:

pè copp’ ‘o cornicione

plòffete!, int’ ‘o balcone,

e fa culazione

dint’ ‘a cucina toia.

E’ ‘a gatta d’ ‘o palazzo.

Padrone nun ne tene.

Nunn’ è c’ ‘a vonno male,

ma essa ‘o sape

che manc’ ‘a vonno bene.

Te guarda cu dduje uocchie speretate:

lèsa.

N’ha avute scarpe appriesso e ssecutate.

E’ mariola!

Ma ‘a povera bestiella, c’adda fa?

E’ mariola pecché vò mangià.

E’ mariola…

Chest’ ‘o ddice a’ ggente;

ma i’ nun ce credo, pecché, tiene mente:

tu lasse int’ ‘a cucina,

che ssaccio…

nu saciccio.

Làsselo arravugliato

dint’ a na bella carta ‘e mille lire.

Tuorne ‘a mattina:

a mille lire ‘a truove, che te crire?

Nzevata. Ma sta llà.

Eduardo De Filippo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...