La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Archivio per 3 ottobre 2019

Ricapitoliamo

*Ci sono i soldi per dare il RdC a terroristi e delinquenti, ma si modificano, naturalmente al ribasso, le detrazioni per le spese sanitarie.

*I contributi per l’accoglienza ai “profughi”, che Salvini aveva abbassato da 35 a 21 euro al giorno, vengono aumentati ad € 42,80.

*I nostri pensionati dovranno continuare a pagare i ticket, mentre i clandestini hanno le cure completamente gratuite.

*Le aliquote sulle tasse sulla casa restano invariate, però vengono riviste le stime catastali, quindi il risultato è un aggravio di queste imposte.

*L‘IVA non aumenta, ma viene “rimodulata”. Naturalmente al rialzo, checché ne dicano (ma non erano andati al governo proprio per evitare l’aumento dell’IVA?)

*Conte mostra a una giornalista, che offre un pezzo di parmigiano al segretario di Stato Mike Pompeo (e non Ross, come lo ha chiamato il nuovo ministro degli esteri, che sta inanellando una serie di gaffes),  “come si difendono i prodotti alimentari italiani”, e il risultato è che gli USA ci appioppano i dazi  del 25% su parmigiano, prosciutto (come la prenderanno i rossi emiliani?) pecorino e liquori. Con questi dazi paghiamo  noi  le violazioni del libero mercato volute dalla UE che però hanno favorito francesi e tedeschi.

*Gli sbarchi sono ripresi alla grande (con relativo incremento delle vittime) e chissà quanti “profughi” verranno ridistribuiti in UE “su base volontaria“. La riprova sta nella standing ovation tributata alla Rackete all’europarlamento.

*Il deficit che lo scorso anno era stato stabilito in 2,04% del PIL ora, per graziosa concessione UE, potrà essere del 2,2%.

*Qualcuno ha proposto di intervenire retroattivamente sulle detrazioni fiscali già vigenti per le ristrutturazioni edilizie, quelle da spalmare su 10 anni, come retroattivamente vogliono recuperare l’IVA sui corsi di Scuola guida.

*Qualche mente eccelsa pensa a tassare le merendine e nel contempo a liberalizzare la droga: quale delle due è più pericolosa?

* Per non parlare di tutte le cavolate su auto inquinanti e risparmio energetico, fatte senza alcun criterio logico.

Io poi ho provato a girare per strada alla ricerca di qualche miliarduccio, ma non ne ho trovato nemmeno uno. Conte e i suoi sinistri, opps, ministri, ne hanno trovati ben 23, però ho il sospetto che usciranno comunque dalle nostre tasche. Parte di quei soldi, 7 miliardi, dovrebbero essere recuperati dalla lotta all’evasione fiscale: premesso che è una cifra esagerata ed utopistica, ma buona parte dell’introito se ne andrà in compensi ai controllori.


Conclusione: ci stanno prendendo per i fondelli e piano piano, se non li fermiamo per tempo, ci ridurranno come la Grecia.