La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

WARNING (Avvertimento) – La società del cappello rosso

Quando sarò vecchia mi vestirò di viola
con un cappello rosso che non si intona e non mi dona.
E spenderò la mia pensione in brandy e guanti estivi
E in sandali di raso, e poi dirò che non abbiamo soldi per il burro.
Mi siederò sul marciapiede quando sarò stanca
E arrafferò assaggi di cibo nei negozi, suonerò tutti i campanelli
Farò scorrere il mio bastone sulle ringhiere
E mi rifarò della sobrietà della mia giovinezza.
Uscirò in pantofole sotto la pioggia
E raccoglierò fiori nei giardini degli altri
E imparerò a sputare.

Quando sei vecchia puoi indossare assurde camicie e ingrassare
E mangiare tre libbre di salsicce in un colpo solo
O solo pane e sottaceti per una settimana,
E accumulare penne e matite e tappi di bottiglia e cianfrusaglie nelle scatole.

Ma ora dobbiamo indossare vestiti che ci tengano asciutti,
E pagare l’affitto e non dire parolacce per strada
E dare il buon esempio ai bambini.
Dobbiamo invitare amici a cena e leggere il giornale.

Ma forse dovrei cominciare a fare un po’ di pratica adesso?
Così chi mi conosce non rimarrà troppo scioccato e sorpreso
Quando improvvisamente sarò vecchia, e comincerò a vestirmi di viola ~

Jenny Joseph

Una buffa filastrocca inglese ha dato l’avvio alla Red Hat Society, l’associazione fondata negli Stati Uniti da Sue Ellen Cooper nel 1998 che riunisce donne ultracinquantenni, spiritose ed ironiche, che si incontrano con regolarità indossando un cappello rosso ed un vestito (o almeno una maglia) di colore viola. L’associazione si è via via estesa, diffondendosi anche in altre parti del mondo.

Beh, mi è quasi venuta voglia di iscrivermi 🙂

11 Risposte

  1. maddai!!!1 😀 Io credo che già ora tu sei una monella 😉

    Piace a 1 persona

    2 ottobre 2018 alle 18:39

    • Magariiiii

      Piace a 1 persona

      2 ottobre 2018 alle 20:19

      • la tua parte sud lo è sicuro! 😀

        Piace a 1 persona

        2 ottobre 2018 alle 20:22

        • Mi fai sentire tanto Lazzarella… Ma forse sei troppo giovane per ricordartela

          Piace a 1 persona

          2 ottobre 2018 alle 20:39

          • uhhhh quanto si’ bellella! mm”e chiammata giuvinò! 😀 E lazzarelola comme si’ :D…’a saccio, ‘a saccio! 😀

            Piace a 1 persona

            2 ottobre 2018 alle 20:41

            • Rockol

              Cu ‘e libbre sott”o vraccio
              e ‘a camicetta a fiore blu,
              vuó’ fá ‘a signurenella
              ‘nnanz’â scola pure tu.

              Te piglie ‘a sigaretta
              quann”accatte pe’ papá,
              te miette giá ‘o rrussetto
              comme vide ‘e fá a mammá.
              Pubblicità

              Lazzarè!

              Ma Lazzarella comme si,
              a me mme piace sempe ‘e cchiù,
              e vengo apposta pe’ t”o ddí,
              vicino â scola d”o Gesù. Tu invece mme rispunne: “Eggiá,
              i’ devo retta proprio a te.
              Pe’ me ll’ammore pó aspettá,
              che n’aggi’a fá? Nun fa pe’ me!”

              Ah, Lazzarella, ventata ‘e primmavera!
              Quanno passe tutt”e mmatine
              giá te spiecchie dint”e vvetrine,
              sulo nu cumplimento te fa avvampá. Ma Lazzarella comme si,
              tu nun mme pienze proprio a me,
              e ride pe’ mm”o ffá capí
              ca perdo ‘o tiempo appriess’a te.

              Mo vène nu studente
              ‘nnanz’â scola d”o Gesù.
              Te va sempe cchiù astretta
              ‘a camicetta a fiore blu. Te piglie quatto schiaffe
              tutt”e vvote ca papá
              te trova nu biglietto
              ca te scrive chillu llá.

              Lazzarè! Ma Lazzarella comme si,
              a me mme piace sempe ‘e cchiù,
              e vengo apposta pe’ t”o ddí,
              vicino â scola d”o Gesù.

              Tu invece mme rispunne: “Eggiá,
              i’ devo retta proprio a te.
              Pe’ me ll’ammore pó aspettá,
              che n’aggi’a fá? Nun fa pe’ me!” Ah, Lazzarella, ventata ‘e primmavera!
              Quanno passe tutt”e mmatine
              giá te spiecchie dint”e vvetrine,
              sulo nu cumplimento te fa avvampá.

              Ma Lazzarella comme si,
              tu nun mme pienze proprio a me,
              e ride pe’ mm”o ffá capí
              ca perdo ‘o tiempo appriess’a te. Tu invece mme rispunne: “Eggiá,
              i’ devo retta proprio a te.
              Pe’ me ll’ammore pó aspettá,
              che n’aggi’a fá? Nun fa pe’ me!”

              Ah, Lazzarella, ‘o tiempo comme vola!
              Mo te truove tutt”e mmatine,
              chino ‘e lacreme stu cuscino.
              Manco na cumpagnella te pò aiutá. Ma Lazzarella comme si,
              te si’ cagnata pure tu.
              E ‘n’ ata vota dice “Sí”,
              ma dint”a cchiesa d”o Gesù!

              Lazzarè!
              Perdo ‘o tiempo appriess’a te!

              Piace a 1 persona

              2 ottobre 2018 alle 20:50

              • è essa! vide ca aggio pustato pure io na canzona antica…mo mo… 😀 ❤

                "Mi piace"

                2 ottobre 2018 alle 20:53

  2. Un abbraccio… mi iscrivo anch’io!!!

    "Mi piace"

    14 dicembre 2019 alle 16:57

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...