La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Apportatori di cultura…

Guerlin Butungu , 20 anni, congolese, rifugiato residente a Vallefoglia, nel Pesarese, viene portato in carcere dalla Questura a Rimini, 3 settembre 2017.
ANSA/MANUEL MIGLIORINI

Minorenni, quindi se la caveranno con l’affido a qualche comunità sociale che si occupa del reinserimento dei ragazzi che incorrono nelle maglie della “cosiddetta” giustizia.
Cosiddetta, perché se i”ragazzi” erano abbastanza grandi per stuprare una ragazza ed un trans, picchiare e rapinare, a mio parere sono anche abbastanza grandi per andare in galera.
Se poi consideriamo la situazione dei due fratelli marocchini c’è da mettersi le mani nei capelli.
Provengono da una famiglia totalmente irregolare, anche se presente in Italia fin dagli anni ’90, con la madre già ammonita per stalking nei confronti di alcune coinquiline e con denunce per percosse ed ingiurie; i ragazzi, sempre a detta dei coinquilini, che
spadroneggiano e rubano nel palazzo dove abitano e protagonisti di atti di bullismo verso i compagni di scuola; il padre che è potuto rimanere in Italia grazie ad una sanatoria, ma al quale era stato revocato il permesso di soggiorno nel 1995 per varie pendenze penali, ma grazie alla benevolenza della magistratura (?!) che ha considerato la consistenza del nucleo familiare (ci sono altri 2 minori in famiglia oltre ai due figli delinquenti), è riuscito a farla franca.

Del nigeriano non si sa molto, ma il congolese, l’unico maggiorenne, era qui in Italia dopo aver ottenuto lo status di rifugiato politico. Ha frequentato i corsi di italiano, ha fatto degli stages professionali, sempre comportandosi bene; poi, un bel giorno è sparito, scoprendo che la nostra nazione offriva molte “possibilità”, di quale genere si può intuire, visto che sfoggiava abiti eleganti ed orologi di marca, pur non avendo un lavoro. Essendo maggiorenne, sarà l’unico a pagare. I due fratelli marocchini cercano di scaricare su di lui tutte le colpe, ma c’è la testimonianza del trans peruviano che inchioda tutti e quattro gli autori dello stupro… Almeno nei riguardi dei marocchini, c’è da considerare che se fosse stata approvata la legge sullo ius soli, i due sarebbero italiani a tutti gli effetti per via dello ius culturae, in quanto hanno frequentato le scuole qui in Italia.

 

 

4 Risposte

  1. Un amico africano, laureato e direi magnificamente integrato in Italia, tempo fa mi disse che una persona onesta non ha bisogno di pagare un passaggio su un barcone, che costa moltissimo. Una persona onesta prende l’aereo, che costa meno. Per cui molti di questi che arrivano qui non sono persone oneste, ed è il loro paese a non volerle. Poi ci saranno sicuramente le dovute e sacrosante eccezioni. Ma molti arrivano qua perfettamente consapevoli di poter vivere a scrocco senza lavorare, o peggio. Ci sono indubbiamente molte colpe dell’Occidente verso l’Africa.
    Ci sono anche molte colpe dell’Africa verso l’Africa. Ricordatevi di Thomas Sankara.

    Piace a 1 persona

    4 settembre 2017 alle 19:16

  2. Appunto: al gate dell’aeroporto devi esibire documenti validi. Se hai commesso qualche reato ti sgamano. O alla loro frontiera o alla nostra. Diverso è chi invece viene da zone di guerra. Ma non è che in Africa ci sia guerra ovunque. E gli africani onesti e pacifici viaggiano senza problemi tra Europa e Africa. Certi personaggi non danneggiano solo il paese che li ospita, ma i loro stessi connazionali onesti che sono qui per lavorare e portano effettivamente cultura. Il commercio dei barconi è per far arrivare qui gente con la fedina penale poco pulita.

    Piace a 1 persona

    4 settembre 2017 alle 20:05

  3. Che schifo. Mi vien da dire solo questo! Che schifo loro e che schifo noi che siamo così clementi!

    Piace a 1 persona

    5 settembre 2017 alle 22:27

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...