Nei sogni entriamo in un mondo che è interamente nostro.

Francesca

 

Sei emersa dalla notte
e nelle tue mani c’erano fiori
e ora tu emergerai da un mare di persone
da un tumulto di discorsi su di te.

Io che ti avevo vista fra le cose prime
ero furente quando fecero il tuo nome
in luoghi di tutti i giorni.


Vorrei che fredde le onde fluttuassero sulla mia mente
e che il mondo seccasse come una foglia morta
o come una spora di dente di leone – e fosse spazzato via
così che io possa trovarti ancora,
sola.

Ezra Pound 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...