Nei sogni entriamo in un mondo che è interamente nostro.

Cattiveria umana

Mi sono rotta le palle.

Sono stufa innanzitutto delle generalizzazioni.

Poi sono stufa di un mondo con poca umanità, pronta a gettare la croce su una povera donna che ha lasciato il bimbo nell’auto al sole.

Ne ho sentite e lette di tutti i colori su facebook: delinquente, malata di mente, non a posto con la testa, ma cosa ha messo il figlio al mondo a fare…e poi l’accusa più stupida: era un’impiegata comunale…come poteva essere stressata con un lavoro del genere.

Certo, ci sono quegli impiegati infami che timbrano e poi si fanno i cavolacci loro, ma tanti compiono onestamente il loro lavoro. Che poi alcuni lo considerino un lavoro non indispensabile è un altro conto, resta il fatto che lo fanno.

E come ci sono pessimi impiegati comunali, posso anche dirvi che ci sono pessimi commercianti, avvocati, medici, commercialisti, che magari staranno tutto il giorno incollati alla sedia o al bancone, ma tirano a fregare il cliente.

Parlo per me, ex dipendente parastatale che, quando ho iniziato a lavorare, nel mio ufficio eravamo in quattro ed alla fine, tra pensionamenti e trasferimenti ero rimasta solamente io, con responsabilità non indifferenti, quindi sapevo l’ora in cui sarei entrata ma non sapevo quando sarei uscita, e vi assicuro che non erano le canoniche sei ore giornaliere… talvolta tiravo dalle 8 di mattina alle undici di sera con una mezz’oretta di intervallo, giusto per mangiare un pacchetto di cracker ed una mela. Ore ed ore di straordinario NON retribuito, solo PARZIALMENTE compensate da giorni di riposo compensativo. Quindi so cos’è il lavoro e so cos’è lo stress, e posso capire benissimo quella mamma.

Cosa parlate a fare, linguacce malefiche, invece di provare un briciolo di compassione su una mamma che porterà questa croce per tutta la vita?

Annunci

13 Risposte

  1. Concordo Loredana il pettegolezzo sui social è assai più immorale della morte ingiusta di quel bambino… E poi, a sto punto, non escludo che qualcuno abbia visto quella creatura in macchina e se ne sia fottuto… ora tutti fanno i soloni, ma quella povera donna, come tu dici giustamente, ha perso la propria creatura e, per sempre, la pace… che il dio di noi piccoli fragili umani ne protegga l’anima smarrita.

    Liked by 1 persona

    8 giugno 2017 alle 19:14

    • Quello che mi ha disturbata maggiormente sono stati alcuni commenti sul tipo di lavoro della madre…impiegata comunale, quindi per logica una pelandrona che non poteva certamente essere soggetto di stress… Naturalmente commenti da parte di una donna che figli non ne ha.

      Liked by 1 persona

      8 giugno 2017 alle 19:21

      • capisco… non c’è bisogno d’avere o non avere figli per cialtroneggiare e spettegolare violenti sulla rete… un caro saluto.

        Mi piace

        8 giugno 2017 alle 19:24

  2. Su certe cose penso che un doveroso Silenzio sia necessario. Un Silenzio che faccia riflettere sulle condizioni di Vita di oggi.

    Mi piace

    8 giugno 2017 alle 21:06

    • Infatti non ne avevo parlato, finché non ho letto certi commenti beceri

      Mi piace

      8 giugno 2017 alle 23:16

  3. Cara Lori non c’è umanità in giro e i social sono diventati ormai il luogo di ritrovo per gente becera. Anche noi si è subito fatto il commento su come oggi la vita sia solo correre, con mille pensieri in testa. Lo stress che si accumula può fare scherzi atroci come in questo caso. Dispiace per quei poveri genitori e per la madre soprattutto che non si perdonerà mai. Oltre che per la povera bimba. Che augurare a tutti coloro che dall’alto di un pulpito sparano idiozie e cattiveria ? Che vadano all’inferno. Baci. Isabella

    Mi piace

    9 giugno 2017 alle 08:37

  4. NON È MIA .. MA SONO D’ACCORDO per CUI CONDIVIDO:
    Oggi ho accompagnato mio figlio di corsa al suo ultimo giorno di scuola. Un saluto veloce perché devo andare a lavorare. Il papà è uscito di casa prima delle sette. Oggi all’uscita non ci sarò, andrà con la mamma di un suo compagno poi con la tata a una festa e infine dalla nonna.
    Corro, come tante mamme e papà e ogni giorno che è andato tutto bene ringrazio, perché ce l’ho fatta. E perché il momento di buio per la stanchezza – che me l’ha fatto rotolare giù dalle braccia da neonato, che mi ha fatto dimenticare un paio di volte i fornelli accesi, che mi ha fatto attraversare la strada distratta, che gli ha passato la pappa bollente non assaggiata – non ha mai prodotto danni troppo gravi. Ma so che può succedere, e so come succede, quell’attimo di buio in cui si distrae anche Santa Pupa e tu pensi di essere la madre peggiore del mondo. Senza giustificazioni.
    Perciò se dite – a chi ha pagato il prezzo più caro per quel momento di buio – ‘ma come ha fatto’ ‘ma avrà un neurone in testa’ ‘levategli i figli’, non siete migliori di lei. Semplicemente, siete figli di tanti momenti più fortunati. Chiedete a vostra mamma, sorriderà e vi dirà di tutte quelle volte in cui ‘per un pelo…è stato un attimo…grazie a dio non è successo niente, ma lì per lì volevo morire’. Pensate che per un attimo, una madre non riuscirà mai a dire questa frase a sua figlia e quell’attimo lo cercherà per tutta la vita, insieme a lei.

    Per quello che riguarda il lavoro degli impiegati comunali, hai scritto cose molto condivisibili.
    Leggende metropolitane.
    Ciao.

    Liked by 1 persona

    9 giugno 2017 alle 23:16

  5. la cosa che da molto fastidio è che stanno martoriando quella poveretta ma delle altre due che hanno ucciso volontariamente i propri bambini buttandoli dalla finestra o mettendoli nel frizeer non ne parlano .. noo quelle sono sante !!

    Liked by 1 persona

    10 giugno 2017 alle 20:16

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...