La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Nuvole

Giornata di vento.
Mi soffermo a guardare le nuvole, che viaggiano veloci nel cielo.
Alcune bianchissime, altre color piombo, a volte con riflessi argento o dorati.
Anche le forme, diversissime: a cumulo o sfrangiate, libere nell’aria o appoggiate su cocuzzoli come bianchi cappelli di neve.
Osservo il loro girovagare, sembrano leggerissime…poi mi chiedo “ma quanto pesano”?
Sembrano così lievi, invece trasportano tonnellate di acqua che prima o poi riverseranno sulla terra in forma di pioggia.

Perché allora non cadono?

Si fa fatica a capire che, così pesanti, restino sospese nell’aria senza cadere… dire che sono formate da goccioline di pioggia di misura infinitesimale che si addensano attorno ai “nuclei di condensazione” – piccolissime particelle presenti nell’atmosfera – è togliere loro la poesia… Lo stesso se si considera la colorazione che assumono: solitamente sono chiare le nuvole che stanno più in alto in quanto spesso contengono microscopici cristalli di ghiaccio che riflettono al massimo la luce; solo quando le goccioline si aggregano formando gocce più grandi e pesanti, il loro colore diventa grigio ed il pericolo di pioggia diventa più sicuro.

Allora preferisco tralasciare quello che dice la scienza, godermi le nuvole per quello che sono, sognare sui posti che sorvolano, immaginare che siano davvero grossi cumuli di bambagia o veli leggeri.

Al diavolo la scienza…evviva l’immaginazione.

Di schiena andando via di scena
Senza dire una parola
Come quando il tempo passa
E non aspetta più per noi
Non aspetta più per noi

Mi dici che quel sogno più non ha
Da dormire su un cuscino arreso
Alla mia infedeltà
E più mi dici e parli e a me non va
Io voglio stare ancora appesa al filo
Tagliare il cielo a metà

E non mi importa più di resistere
E di quello che mi dai
Io non so che farmene
Sono solo nuvole tra noi
E si dileguano
Di schiena andando via di scena
Senza dire una parola
Come quando il tempo passa
E non aspetta più per noi

Non c’è pioggia tra noi
Le tue parole
Sono solo nuvole tra noi
E si dileguano
Di schiena andando via di scena
Senza dire una parola
Come quando il tempo passa
E non aspetta più per noi
Che non vediamo altro
Che le nostre spalle al muro

Sai quello che penso adesso
Sono sazia già
Sospesa a metà
Io resto e dormo qua
E tutto in tasca va

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...