La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Il giudizio

fb_img_1434656227540

Ho provato a spiegarlo.

Nulla, ho cozzato contro un muro di pietra.

Ho detto che, secondo il mio parere, non consideravo colpevole quella mamma che ha denunciato il figlio, e del resto molte altre madri lo hanno fatto e sono state elogiate: a lei è andata male, purtroppo, anche per la labilità di carattere del ragazzo.

Una sola voce in mio favore, quella di un’amica che è stata così onesta da riconoscere che lei si era astenuta dal commentare in quanto non si sentiva in grado di giudicare non conoscendo appieno come si erano svolte le cose e provava solo pietà per quanto era successo.

Le hanno dato dell’ignava, citando perfino Dante che metteva gli ignavi nel Limbo, indegni perfino di essere giudicati.

Poi qualche timida voce si è fatta sentire…uno che, cristianamente, citava il Vangelo (non giudicare e non sarete giudicati), un altro che invitava invece a CAPIRE.

È che il giudizio si è trasformato , anche se inconsapevolmente, in una condanna (IO non l’avrei fatto, IO non l’avrei denunciato, IO avrei fatto così e cosà…).

Pochi hanno espresso la volontà di comprendere perché quella madre si sia comportata in quel modo e quali siano le vie che l’abbiano condotta a “tradire” la fiducia del figlio denunciandolo, inoltre non siamo nemmeno a conoscenza se lei, prima, abbia tentato altre strade.

Sono quasi tutti partiti lancia in resta non a giudicare, ma a CONDANNARE, in quanto i fatti si sono conclusi tragicamente, senza considerare che in altre circostanze magari sarebbe andata in maniera diversa.

Ecco, quell’IO…IO…IO… mi ha dato fastidio, molto fastidio.

Dicevano bene i Nativi Americani: “Prima di giudicare qualcuno, cammina per due lune nelle sue scarpe”.

E, a proposito, nessuno che abbia citato il padre: pur separato, anche su di lui incombeva la responsabilità dell’educazione del figlio.

Annunci

2 Risposte

  1. ottimo post!

    Liked by 1 persona

    21 febbraio 2017 alle 12:12

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...