La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Archivio per 15 novembre 2016

Milano romana

Milano conserva anche molti reperti dell’epoca romana. Non hanno certo la rilevanza del Colosseo o del Foro romano, sono comunque testimonianza di un’epoca storica ben definita.

Una delle vie più nascoste della città, via Brisa, poco distante da un locale dove un tempo andavamo spesso a pranzare, il Matarèl, conserva alcuni reperti davvero interessanti: là sorgeva l’antico palazzo imperiale di Milano, costruito da Massimiano quando fece di Mediolanum la capitale dell’Impero romano d’Occidente. Mediolanum restò capitale dal 286 fino all’anno 402 d.C., quando il suo posto venne preso da Ravenna.

via-brisa_1

(veduta aerea da Google Street viev)

In quel periodo la città di Milano venne notevolmente ampliata, anche per consentire l’esercizio di tutte le funzioni sia militari che amministrative dell’Impero, ed a questo scopo il palazzo del quale purtroppo restano poche rovine si prestava benissimo: era infatti dotato sia di un tempio per il culto, di terme con annessi calidarium e tepidarium, di uffici per le incombenze amministrative ed un circo per i giochi, la cui torre è stata riconvertita nella torre campanaria del convento di San Maurizio.

Oggi lo si potrebbe chiamare “complesso multifunzionale”.

20161111_143522

20161111_14354020161111_14362420161111_14370120161111_14372120161111_143902

Le rovine sono al di sotto del piano stradale: mattoni pieni color ocra rosseggiano tra l’erba verde, dove alcuni gatti passeggiano tranquillamente o sonnecchiano sui resti delle mura. La zona è stata ben valorizzata con un piccolo parco con piante verdi, vialetti, alcune panchine, il tutto naturalmente rigorosamente pedonale. Del resto la via è piuttosto corta, e si dirama da corso Magenta e proseguendo poi per via Moriggi, (o Morigi, secondo altre fonti) dove di trova l’antica taverna omonima (ci abbiamo mangiato parecchio tempo fa), lungo la quale, nell’androne di un condominio si può ammirare un grosso frammento di un pavimento a mosaico.

viamorigi1-1024x768

(Immagine da internet)

Molte altre vestigia sono disseminate per la città. Se avrò il tempo di visitarle, mi piacerebbe raccontarne la storia.