La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Fertility Day

Cartolina-1

Non ero a conoscenza che ieri fosse il Fertility Day.

L’ho scoperto per caso scorrendo la home di facebook, dove in molti ne parlavano.

Certo è che siamo messi male se dobbiamo istituire una giornata per incentivare gli italiani a fare figi, però nessuno si interroga sul perché della natalità. La campagna a dire il vero è incentrata anche sulle cause che conducono all’infertilità sia maschile che femminile e sugli aiuti alla procreazione, ma il problema principale è essenzialmente un altro: anni ed anni senza alcuna incentivazione alle politiche volte  sostenere la famiglia, pochissimi servizi destinati alle donne che lavorano, detrazioni fiscali irrisorie.

Qualcosa è stato fatto, ma è assolutamente insufficiente.

I permessi pre- e postparto, quelli   obbligatori interamente retribuiti e quelli facoltativi con retribuzione ridotta ed estesi anche ai padri, i permessi per l’allattamento – due ore giornaliere – e l’assistenza medica dei figli fino ai tre anni sempre coperti da retribuzione, ma poi? Gli asili nido pubblici sono scarsi e cari, quelli privati addirittura carissimi e tutti con orari che a volte mal si conciliano con le esigenze lavorative dei genitori. Non si può neppure più contare sull’aiuto dei nonni, ormai costretti pure loro a lavorare fino ad età avanzata.

Poi un figlio costa.

Da quando nasce, anzi, da molto prima, fino a quando raggiunge l’età per spiccare il volo da solo è un continuo esborso di denaro. Le esigenze dei bambini ed adolescenti di oggi sono assai diverse da quelle dei tempi dei loro genitori e nonni.  Non si vedono più ragazzini indossare i vestiti smessi e rivoltati dei loro genitori; giocare con palla e soldatini non basta più; i testi scolastici sono aumentati di numero, di spessore e, ahimé, anche di prezzo. Ci vuole il cellulare per essere sempre rintracciabili dai genitori che lavorano, il computer per effettuare le ricerche scolastiche e via dicendo.

Le scuole poi offrono raramente un servizio di doposcuola.  Il fattore denaro è sempre più importante: chi sarebbe così incosciente poi da mettere al mondo uno o più figli, con lo spettro della disoccupazione che incombe data la crisi economica? Ed è già abbastanza che molti si accontentino di un solo figlio…

Uno dei manifesti del Ministero della salute recita “La costituzione tutela la procreazione cosciente e responsabile”… ecco, chi al giorno d’oggi è così responsabile, se lo Stato invece di sostenere la famiglia sta facendo di tutto per affossarla anche economicamente?

fertility-day-1-300x300


4 Risposte

  1. Pensa che io l’ho saputo ora, da te e non ho intenzione di approfondire: mi sembra davvero troppo😦

    Liked by 1 persona

    1 settembre 2016 alle 19:29

  2. Nossignora Lorenzin, preferiremmo non faceste una nuova campagna, preferiremmo non ritrovare altre “cartoline” diverse e preferiremmo proprio non doverne, in questi termini, riparlare, no-grazie.
    E comunque, nel frattempo, questa storia continua ad avere un risvolto divertente , ma anche allucinante.

    Liked by 1 persona

    1 settembre 2016 alle 22:08

  3. Io l’ho sentito per caso, oramai per ogni cosa istituiscono una giornata… come se potesse risolvere tutto magicamente…

    Mi piace

    2 settembre 2016 alle 13:51

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...