La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Marilena

foto_fiori_bouquet_7088

Io sono una persona che si affeziona.

Che siano amicizie reali o virtuali, per me non fa differenza.

Ci sono alcuni contatti di Facebook e di altri network che ho conosciuto personalmente dei quali sono diventata amica e che ho avuto modo di apprezzare, specie della zona di Milano. Con alcuni addirittura ho rapporti da anni e ci si sente abbastanza regolarmente.

Poi ci sono quelle persone con le quali ogni tanto scambio qualche veloce whattsapp, qualche telefonata, qualche comunicazionesul messenger, qualche mail, ma la maggior parte li conosco solo per i loro scritti: blog vari (di qualsiasi argomento trattino) o post su Facebook, persone che stimo molto e che mi piacerebbe molto frequentare.

Tra queste c’era Marilena.

L’apprezzavo anche se non la seguivo con continuità, in quanto scriveva su un’altra piattaforma (blogger). Poi per un certo periodo non l’ho più vista: aveva scritto di avere dei problemi, ma non immaginavo quali. Si sa che molti blogger a volte si stancano e lasciano il proprio sito inattivo per un tempo più o meno lungo, quando addirittura non lo abbandonano del tutto, e questo mi dispiace molto.

Qualche giorno fa, dopo moltissimo tempo, sono rientrata in Blogger e subito l’ho cercata, ma con enorme dispiacere ho letto un post del figlio che rievocava in maniera dolce e commovente la sua mamma, scomparsa, aggiungendo anche un breve filmato con loro due. È stato bello vedere Marilena sorridente…Ha smorzato un poco il dispiacere di sapere che non l’avrei più letta, un dispiacere come quando ho saputo,anni fa, che anche Carlo se n’era andato…

E fino a quando ci si ricorda delle persone, è come se queste non ci avessero mai abbandonato.

4 Risposte

  1. E’ vero, con certe persone si crea una certa empatia, anche se divise da uno schermo: io ti ho visto soltanto una volta, di sfuggita quasi, ma ho sempre l’immagine impressa nella mente, tua e di tuo marito.
    Peccato non averti parlato un po’ di più ma si vede che doveva andare così. Ricapiterò a Milano e magari ci potremmo sedere in quel localino vintage che hai nominato tempo fa. E’ capitato anche a me di realizzare che l’assenza non era assenza ma scomparsa: come dici tu, si scompare dallo sguardo ma non dal nostro cuore: questo non vale per tutti però… Buona giornata❤

    Mi piace

    27 luglio 2016 alle 08:23

  2. anch’io sono cosi , mi affeziono molto alle persone e quando una si allontana o nello sfortunato caso scompare ne soffro molto ..
    l ‘anno scorso mi è successo di perdere un’amica molto importante , purtroppo attaccata da una depressione devastante è stata ricoverata in un ospedale psichiatrico ha perso la ragione ,non è più tornata in se …
    ho provato a chiamarla , a parlare con lei ma ormai è entrata a far parte di un ‘altro mondo … unica consolazione è il legame col suo ex ragazzo che quando va a trovarla mi da notizie di lei… mi manca molto.

    Liked by 1 persona

    27 luglio 2016 alle 10:34

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...