La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

domandina semplice semplice

la-giungla-di-calais-vista-dall-altoorig_mainMi sono sempre chiesta: tutti questi “attivisti”che si spostano per tutta l’Europa quando c’è da manifestare (l’ultima circostanza è stata in occasione dello sgombero della “giungla” di Calais), com’è che campano? Dove li trovano i soldi per trasferirsi, per mangiare, per tutte le altre loro necessità?

12 Risposte

  1. Sei venale e materialista😀

    Liked by 1 persona

    3 marzo 2016 alle 18:13

  2. Perdonatemi: ma li campiamo come?

    Liked by 1 persona

    3 marzo 2016 alle 21:35

    • con le nostre tasse

      Mi piace

      3 marzo 2016 alle 23:24

      • Con le nostre tasse pachiamo gli attivisti? I manifestanti? Ho veramente bisogno che qualcuno mi fornisca un approfondimento su questa cosa che a me risulta completamente nuova….

        Mi piace

        4 marzo 2016 alle 08:32

        • pensa solo ai contributi che ricevono certi centri (a)sociali.
          Oppure sono tutti figli di papà, dato che non lavorano?

          Mi piace

          4 marzo 2016 alle 08:36

          • I centro sociali ricevono contributi? Anche questa mi sa che è un’affermazione a dir poco imprecisa…

            Mi piace

            4 marzo 2016 alle 11:28

            • Perdonami Francesco ma questa gente dovrà pur mangiare. Avrà delle necessità che per quanto minime avranno un costo. Escludendo, naturalmente, che ricevano compensi. Ora, visto che soprattutto di questi tempi i giovani sono senza lavoro e di conseguenza senza soldi (loro e le famiglie) non restano che due vie per giustificare queste masse di volontari e precisamente: o sono tutti benestanti che, come ho detto nel mio intervento, girano in abbigliamento simil-clochar ma rigorosamente griffato e fino ai 30 anni si fanno una reputazione “sociale” in quanto non hanno bisogno di lottare per il posto di lavoro a cui penserà il babbo al momento giusto oppure qualcuno paga le loro spese. Che poi siano i centri sociali, o le associazioni oppure lo Stato credo si tratti sempre di soldi “nostri”.

              Liked by 1 persona

              5 marzo 2016 alle 08:52

              • Devo dissentire…praticamente da tutta la vita mi muovo nel mondo dell’associazionismo e so esattamente da dove arrivano le pochissime risorse disponibili…di sicuro niente a che vedere con le tasse che (quando vengono pagate) vanno ad alimentare altri “bisogni” o altre “patologie”…se ti va ne parliamo…

                Mi piace

                5 marzo 2016 alle 09:14

                • Ci sono varie forme di associazionismo,molte davvero valide, però non tutte. Prendo ad esempio le case occupate: a Milano c’è il Collettivo di via dei Transiti, dove da decenni è stata occupata un’abitazione di due coniugi, ora pensionati, che non solo non possono usufruire dell’appartamento, ma devono pure pagare le varie bollette…e questi non sono forse anche “soldi nostri”?

                  Mi piace

                  5 marzo 2016 alle 18:52

  3. Sono tutti quei finti barboni tatuati con abbigliamento simil-clochard ma rigorosamente griffato che si atteggiano a salvatori dell’umanità fancazzisti quando si tratta di lavorare ma che si cuccano ore di aereo o di bus (è pur sempre un viaggio) che spendono i soldi di papà (e delle suddette associazioni) tanto poi quando arrivano a 30 anni il babbo li sistema nell’azienda di famiglia o nella banca di cui è presidente.

    Liked by 1 persona

    4 marzo 2016 alle 09:33

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...