La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Povera Europa

image

Erigi un muro di qua,  chiudi una frontiera di là… L’Italia è rimasta l’unica con i confini aperti e si trasformerà in un gigantesco campo di cland… opps… “profughi” (?) .
E dire che molto tempo fa avevamo iniziato bene, dicendo che sarebbe stato opportuno identificare i “migranti” (?) mediante le impronte digitali,  ma l’UE allora ci bollò di razzismo.  Ed ora che le impronte non le prendiamo più,  la stessa  UE  ci obbliga a farlo! Coerenza,  dove stai di casa?
E quando avvertivamo che i “migranti”(?) avevano idee sulle donne piuttosto distanti dalle nostre, sempre l’UE ci bollava come razzisti dicendoci che invece i “migranti” (?) sono risorse.
Ora la Germania,  ossia la nazione che ha più voce in capitolo nella UE, si ritrova con un alto numero di donne molestate sessualmente e derubate di soldi e cellulari nella notte di Capodanno a Colonia da un migliaio di extracomunitari assatanati;  la scemenza più grande l’ha detta il sindaco (o la sindaca o sindachessa, facciamo contenta la Boldrini ) di Colonia, tale Henrietta Reker, che ha invitato le donne a non vestirsi in modo da provocare gli “uomini” (io li definisco  bestie), tenere da loro una distanza di sicurezza DI UN BRACCIO (Armlänge), non girare da sole e di munirsi di un bastone, non per picchiarlo in testa ai violentatori come sembrerebbe logico, ma per attirare l’attenzione di altre persone! In breve, le donne tedesche devono adattare i propri comportamenti a quelli degli “invasori ” tenendo presente la LORO cultura. CULTURA? La chiama cultura questa? Li considera risorse?  Di questo passo a forza di cedere su tutto siamo davvero destinati all’estinzione. (NB: le femministe sinistroidi non si sentono né si vedono, combattute tra l’ideologia dell’accoglienza a tutti i costi e quella della dignità femminile ferita).
Ritornando a noi che, come ho scritto, avevamo cominciato bene,  ora siamo il cosiddetto “ventre molle”. Gli altri, che ci definivano razzisti, si premuniscono e si difendono, noi facciamo entrare di tutto e di più,  con controlli irrisori. E sentire Alfano che dice “Non abbiamo interesse a sospendere Schengen “, mi viene spontaneo pensare alle numerose cooperative che campano sull’accoglienza dei “profughi “.
Le anime belle, le anime buone che sputtanavano tanto Orban per il muro, ora che anche Svezia e Danimarca sospendono Schengen,     tacciono.
Taccio pure io, ma per altri motivi: direi esclusivamente parolacce.

4 Risposte

  1. Mi associo, anche se volessi dire qualcosa, a questo punto non saprei davvero cosa dire: vedo tutto ed il contrario di tutto o meglio il nulla e cosa pensi della “paghetta” per chi ospita un “profugo”? Da dove arriverebbero quei soldi? E i nostri anziani, senza tetto, sfrattati, licenziati e chi più ne ha più ne metta? E i nostri bambini? E poi ci sono i 500€ per i giovani affinchè vadano ad “acculturarsi” a teatro, al cinema: secondo me li useranno per comperarsi un telefonino nuovo e qualche spinello o pasticca di quelle cose che ingurgitano la notte…

    Liked by 1 persona

    7 gennaio 2016 alle 09:05

    • Già… sentito ieri sera di una coppia che vive con la figlia sedicenne in un camper (messo a disposizione da un amico) perché senza lavoro. Hanno chiesto di essere ospitati nell’hotel dove risiedono i “profughi” e hanno risposto loro che non è possibile. Allora la rabbia sale… sale… sale

      Mi piace

      7 gennaio 2016 alle 09:21

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...