La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

San Nicolò

Si avvicina il periodo delle feste. Ho già accennato alla tradizione della corona dell’avvento, ed ora invece scriverò delle altre festività che precedono il Natale.
Qui in Alto Adige, come avevo scritto tempo fa, la prima è quella di San Nicolò, che si festeggia il 6 di dicembre. Nella notte del 5 i bambini buoni ricevono allora un sacchetto pieno di dolcetti, (solitamente di panpepato ricoperti dall’immagine del santo), mandarini, arachidi, un piccolo giocattolino. Il vescovo, originario della città di Myra, in Turchia, è raffigurato spesso con tre biglie d’oro nella mano, a simboleggiare tre miracolo che avrebbe compiuto.

san-nicola-interoIl primo sarebbe relativo al salvataggio di un vascello in preda alla tempesta, e per questo è il protettore dei naviganti; il secondo – cui si ricollega l’usanza dei doni – è quello di aver lasciato sull’uscio di casa la dote a tre sorelle molto povere; con il terzo miracolo infine avrebbe fatto resuscitare tre ragazzi uccisi da un malvagio assassino, ed è quindi ricordato come protettore dei giovani. Con il tempo, la figura del santo è diventata quella di Santa Claus (Sanctus Nicolaus), ossia Babbo Natale, non più vestito dei paramenti, ma con il costume rosso per esigenze di marketing di una nota bibita🙂 .

natale_081 (1)

Accanto a san Nicolò, troviamo i Krampus,personaggi che definire dispettosi è riduttivo: hanno lunghe corna, indossano vesti lacere di lana caprina, lanciano urla terrificanti accompagnandosi con il suono di campanacci e l’agitare di grosse catene. Inoltre spesso fanno schioccare le fruste, e povero il malcapitato che si trova a prendere una scudisciata. I Krampus inoltre ai bimbi cattivi consegnano un sacchettino di carbone: da anni si usano grossi pezzi di zucchero scuro a simulare il carbone, ma prima si usava quello vero…

krampus

4 Risposte

  1. Ciao Loredana, a Trieste si festeggia San Nicolò, io ho un ricordo bellissimo del

    Mi piace

    6 dicembre 2015 alle 08:58

  2. Scusa, è partito… mattino del 6 dicembre, la tavola piena di noci, “pistaci” (arachidi), mandarini e poi un piattino avvolto nel cellofan con dentro un pensierino personalizzato, a me piaceva disegnare e trovavo sempre i colori, un album per disegnare, pastelli: era davvero emozionante. Avevo fatto un post anni fa sul tavolo di San Nicolò che avevo fatto per ello, lo rispolvererò ma oggi non è giornata, un temporale inatteso si è abbattuto su di noi…

    Mi piace

    6 dicembre 2015 alle 09:02

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...