La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

The Dead Zone

La-zona-morta-cover-locandina-2

 

C’è un nome più comune di Johnny Smith? Certamente no, ma il personaggio invece è straordinario.

Un mite ed educato professore di lettere che, dopo un terribile incidente, si risveglia in una clinica dove è rimasto in coma per 5 anni. Assistito dal suo medico, un irriconoscibile Herberl Lom (per intenderci, il superiore di Peter Sellers ne “La pantera rosa”), riacquista piano piano le capacità motorie, anche se gli rimarrà comunque una lieve zoppia, ma si rende conto che l’incidente ha cambiato profondamente la sua psiche consentendogli, semplicemente afferrando la mano del suo interlocutore, di vedere il futuro di questa persona. Riesce così a scoprire un serial killer che imperversa nella zona dove abita, collaborando alle indagini con lo sceriffo del posto. Sempre sotto l’occhio dei riflettori, infastidito dalla stampa e conscio che Sara, la ragazza con la quale era fidanzato, si è sposata con un altro ed ha avuto un figlio, non tornerà mai da lui, decide di trasferirsi in un’altra cittadina dove vive dando lezioni private.

Ma l’essere in grado di prevedere il futuro, lo mette anche in condizione di cambiarlo. Riesce così a salvare dalla morte per annegamento un suo piccolo allievo, dissuadendolo dal partecipare ad una partita di hockey su ghiaccio sulla superficie di un lago ghiacciato, dove invece sprofonderanno due suoi giovani amici. A casa del padre di questo ragazzino ha però avuto modo di conoscere e quindi di stringere la mano a Greg Stillson  (Martin Sheen), candidato senatore e, in un lampo,vede che questi diventerà presidente degli Stati Uniti e scatenerà una guerra nucleare. Cosa fare? Si consiglia con il medico, chiedendogli se, conoscendo il futuro di Hitler, lo avrebbe eliminato, salvando così la vita a milioni di persone. Il medico (vittima delle persecuzioni ebraiche), pur con qualche reticenza, conferma che avrebbe ucciso il dittatore. Johnny allora, venuto a conoscenza di una conferenza cui il politico avrebbe dovuto presenziare, si arma di fucile.

Le cose non andranno esattamente come previsto: mentre Johnny lo sta prendendo di mira, Stillson lo vede e si fa scudo con il figlio di Sara. Il tirapiedi del politico spara a Johnny il quale però, mentre sta morendo, ha la visione del senatore che si suicida dopo che Newsweek ha pubblicato in prima pagina la sua foto mentre si ripara con il bambino. Quindi muore con un sorriso, conscio che ha salvato il paese da una guerra nucleare.

Un film davvero molto bello, interpretato da un giovane Christopher Walken (la pellicola è del 1983, successiva quindi a “Il cacciatore”), la trama è tratta da Stephen King, la regia di David Cronenberg. Molto belle, anche se evocano un’atmosfera cupa, le musiche di Michael Kamen. Mi ero sempre rifiutata di guardarlo:Stephen King non riscuote le mie simpatie, ma questo film davvero l’ho ritenuto ottimo.

 

Annunci

6 Risposte

  1. Sai che il film non l’ho mai visto? Ho solo il libro.

    Liked by 1 persona

    18 settembre 2015 alle 19:13

  2. Il film è molto bello, quando l’ho visto anni fà mi ha lasciato il segno! ora dopo aver letto i commenti mi sa che andrò a cercare il libro! ciao 🙂

    Liked by 1 persona

    18 settembre 2015 alle 23:04

  3. Ho letto il libro almeno trenta anni fa proprio in coincidenza con l’inizio dei miei studi di medicina (e credo che sia stato questo a farmi piacere la neurochirurgia)e successivamente ho visto il film. L’ho rivisto qualche mese addietro con piacere sia per il film che per tutti i ricordi di quel tempo che mi ha fatto rivivere.

    Liked by 1 persona

    19 settembre 2015 alle 08:33

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...