La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Gli amanti di Teruel

teruel

Ogni paese ha le sue storie o le sue leggende sugli innamorati infelici : Romeo e Giulietta, Paolo e Francesca, Paolo e Virginia, Abelardo ed Eloisa, Ginevra e Lancillotto, Priamo e Tisbe e via dicendo.

Poi c’è una storia spagnola, che narra anch’essa di un amore sfortunato, una vicenda che risale al XIII secolo cantata dal poeta spagnolo Juan de Tassis de Peralta che riassume la tragica storia dei due innamorati con questa frase: “Murieron como vivieron, y como cuando vivian uno por otro morian uno per otro murieron” , tradotta liberamente “Morirono come vissero, vivendo l’uno per l’altro e morirono l’uno per l’altro”.

Oppure con la frase di un altro poeta, Francisco Lopez de Zarate, che paragonò la luce del loro amore a quella di una stella che luna e sole non potranno oscurare.

I due giovani vivevano a Teruel, città aragonese, e si conoscevano fin dall’infanzia; col passare del tempo l’amicizia diventò amore. Ma lui, Juan Diego de Marcilla, pur di famiglia nobile, era povero e per questa ragione era inviso ai genitori di lei, commercianti più attenti al patrimonio che ai sentimenti. Il padre di Isabella concesse però al giovane un periodo di cinque anni per fare fortuna ed accumulare un patrimonio, condizione necessaria per accordargli la mano della fanciulla. Il giovane si imbarcò, combatté durante le crociate, riuscendo finalmente a fare fortuna. Trascorso il periodo stabilito, ritornò in Spagna, ma al suo rientro udì le campane suonare a festa. Chiestone la ragione, venne a sapere che si stava celebrando il matrimonio dell’amata con il signore di Albarracin, in quanto il periodo concessogli, seppur di poco, era scaduto. Si presentò quindi al ricevimento di nozze per chiedere un solo bacio ad Isabella per non morire d’amore. Lei glielo negò, in quanto ormai sposata, e Juan si accasciò ai suoi piedi, morendo di crepacuore. Il marito di Isabel, per non essere accusato di omicidio, spostò la salma, abbandonandola in strada sulla soglia della casa dei Marcillas. Isabel, scossa dall’accaduto, decise di presentarsi comunque al funerale di Juan, vestita a lutto, e prima che la bara venisse chiusa, alzò il velo da lutto e posò un bacio sul viso dell’amato, morendo anche lei per lo struggimento. Al che le famiglie dei due giovani decisero di seppellirli insieme.

Secoli dopo, nella seconda metà del 1500, nella tomba furono ritrovate le mummie dei due innamorati, con un documento notarile che raccontava tutta la storia.

Molto tempo più tardi, fu costruito un mausoleo che conserva le loro spoglie, arricchito nel 1950 dalla statua dei due giovani che si tengono eternamente per mano, – opera dello scultore spagnolo Juan de Avalos – e che è diventato una delle maggiori attrazioni della cittadina aragonese.

 

teruel1

Annunci

7 Risposte

  1. Quanto mi piacciono le storie d’amore dove la ”lei” si chiama Isabella…A parte gli scherzi belle le statue e anche la storia. Ciao cara Lori. Un abbraccio. Isabella

    Mi piace

    8 novembre 2014 alle 21:01

  2. mauro mass

    bellissima storia… mi stellinano gli occhi…

    Mi piace

    12 novembre 2014 alle 14:37

  3. Bellissima la storia dei due innamorati che non conoscevo, bellissimo il monumento, che delizia quelle due mani che si toccano. Un caro saluto

    Piace a 1 persona

    6 settembre 2015 alle 21:17

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...