La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Robin Williams

Una mattina come le altre: sveglia all’incirca alle 6, la solita pastiglia per la tiroide, doccia, la cura delle piante sul terrazzino. Poi la colazione e, mentre bevo il primo caffè della giornata, apro il cellulare per leggere le notizie Ansa senza accendere la radio per non svegliare mio marito che dorme ancora.

Le solite notizie di economia e politica: Moodys che fa le più gravi previsioni per l’Italia, la tregua in Palestina, il califfo dell’Isis che stermina i cristiani, decapitazioni, esodi, le solite balle governative, i sorrisetti di Renzi che non incantano più nessuno. Insomma, solite cose di ordinaria follia.

Poi lo sport con l’elezione di Tavecchio, chi ha vinto, chi ha perso ecc ecc ecc.

Infine la pagina degli spettacoli.

La prima notizia è quella della scomparsa di Robin Williams, ed è davvero una doccia fredda. Da ragazzina guardavo Mork e Mindy. Poi ho apprezzato quel piccolo capolavoro di ” Good morning, Vietnam”. Ma il film che davvero me l’ha fatto amare è stato “L’attimo fuggente”. E allora, più che pensare al celebre “Oh capitano, mio capitano”, ho ricordato un’altra celebre frase citata in questo film.  “Cogli l’attimo, cogli la rosa quand’è il momento, perché, strano a dirsi, ognuno di noi in questa stanza un giorno smetterà di respirare, diventerà freddo e morirà. »(John Keating).

John Keating: Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino: noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita. Un interprete strepitoso per un film incredibile, dove un professore anticonformista cerca di rendere liberi i propri allievi, liberi nel pensiero, liberi nelle decisioni, quindi autonomi e liberi nella vita.

(“La strada che non presi”, una poesia di Robert Frost, che ho già ricordato tempo addietro, e che mi è particolarmente cara.)

ombradiunsorriso.wordpress.com/2012/11/29/la-strada-che-non-presi/

Ed un finale davvero commovente in cui i ragazzi, dimostrando di aver appreso l’insegnamento del professore, si “ribellano” al conformismo e salutano il docente alla loro maniera.

 

 

Oggi avrei voluto scrivere qualcosa d’altro, ma ricordare un simile interprete era doveroso.

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...