La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Klimt – terza ed ultima parte

kLIMTimage

Avvertenza: tutte le immagini sono tratte da internet

Fine della visita: ecco il celebre “Fregio di Beethoven”.

E’ stata ricreata in scala 1:1, quindi nelle dimensioni originali, la sala esistente nel Palazzo della Secessione Viennese, del quale è esposto, al centro della stanza, un modellino in legno. L’unica variazione è stata quella di posizionare le riproduzioni ad altezza d’uomo, mentre in origine si trovavano a 6 metri dal pavimento. Tre pareti sono decorate in vari stili e con varie tecniche pittoriche; tutta la serie degli affreschi è lunga ben 34 metri ed è stata restaurata negli anni ’70 circa in quanto è molto delicata, essendo stata progettata per durare solamente per i tre mesi della XIV mostra della Secessione ed essere poi distrutta. Attualmente meriterebbe un ulteriore restauro ed i pannelli, anche questi comperati a suo tempo prima da Carl Reininghaus e quindi da August Lederer, furono poi acquistati dalla repubblica austriaca che li sottopose ad un primo intervento di restauro e sono ora conservati nel sotterraneo del Palazzo.

La riproduzione presente qui a Milano è davvero perfetta, anche a detta del curatore della mostra, Alfred Weidinger. Ad un lato della sala il calco della testa del monumento a Beethoven scolpita da Max Klinger, e la cui riproduzione completa in miniatura si trova all’interno del modellino. Già l’atmosfera nella sala è creata dalla musica di sottofondo, la Sinfonia nr 9, nell’interpretazione che ne diede il compositore Richard Wagner.

 

BEETHOVEN statue by Max Klinger

I pannelli che, come ho scritto prima, sono in grandezza naturale, ricoprono tre pareti della sala. Grande è il simbolismo racchiuso in questa opera, che doveva rappresentare la ricerca della felicità umana raggiunta attraverso l’arte. L’opera fu tacciata all’inizio di oscenità e pornografia per la rappresentazione di vari nudi femminili.

klimt_fregiodibeethoven

 

Nei primi pannelli, sulla prima parete è raffigurato un cavaliere (chi dice che abbia le sembianze del pittore, altri invece vedono la raffigurazione di Gustav Mahler che in quel periodo dirigeva l’Opera Viennese) che indossa una armatura dorata, fedele riproduzione di quella dell’arciduca Sigismondo del Tirolo. Il Cavaliere simboleggia la Forza, le figure nude che gli stanno dietro sono invece le suppliche del genere umano, mentre le due donne che lo sovrastano alle sue spalle rappresentano la Compassione e l’Ambizione. Il Cavaliere starebbe anche a simboleggiare la lotta che Klimt dovette sostenere contro i suoi detrattori. Insolita la tecnica: nell’armatura, ad effetto tridimensionale, essendo in rilievo, furono inseriti dei chiodi da tappezziere, mentre l’elsa della spada era istoriata con pezzi di vetro colorato, un’abilità ereditata dal padre che era incisore orafo.

 

secession-museum01

fregio,parte_1_file_4f722cc2f1393

 

 

La parete successiva intitolata “Le forze ostili” è occupata da tutta una serie di figure. Tra tutte primeggia un enorme gorilla, rappresentazione del gigante Tifeo. Sulla sua sinistra le sue figlie, le tre Gorgoni, nude e sensuali (questo fu il pannello che più suscitò scandalo) prototipi delle donne fatali. Alla destra, defilata ed in fondo, la figura dell’Angoscia, magra, emaciata, sofferente, davanti alle spire di un lunghissimo serpente che si snoda lungo il dipinto.

 

klimtFregio-totale

 

 

Infine la terza ed ultima parete che rappresenta il “Raggiungimento della felicità”. Sullo sfondo, una serie di figure dalla posta ieratica, rappresentanti gli “Angeli del Paradiso”, sulla sinistra delle figure ondeggianti avvolte in veli leggeri e con i capelli fluenti rappresentanti invece le Arti, infine sulla destra l’Inno alla gioia, ossia “Il bacio a tutto il mondo”, dove un uomo ed una donna si abbracciano sotto una campana rappresentante l’Eden e l’Amore che mitiga tutto.Gustav Klimt, Beethovenfries (Detail): Diesen Kuss der ganzen Welt

 

 

 

Qui sotto, per meglio comprendere le opere del pittore ed in particolare il Fregio di Beethoven, due video molto esplicativi.

 

 

Conclude la mostra l’esposizione dell’ultimo quadro di Klimt, ossia “Adamo ed Eva” rimasto incompiuto.

klimt_adamo_ed_eva

 

 

 

Annunci

2 Risposte

  1. Queste sono le cose che mi riconciliano con la vita. Ogni volta che visito una mostra esco con una piccola scorta di benessere.
    Klimt mi piace anche se non è in cima ai miei preferiti, ma visitai il Palazzo della Secessione a Vienna ed ebbi modo di apprezzarlo e accostarmici e nel tempo l’ho apprezzato sempre più.
    Per me niente mostra a Milano, impossibile in questo periodo di nefasti avvenimenti, ma grazie per i tuoi post che almeno mi hanno fatto fare un giro. Ciao Loredana. Buona serata. Marilena

    Mi piace

    6 maggio 2014 alle 23:10

    • Vienna è una città che adoro; là si respira davvero un’altra aria. Ci siamo stati quattro volte, fino ad ora, e c’è sempre qualcosa di nuovo da visitare 🙂
      Mi fa piacere che questi post ti abbiano fatto fare un “giro”. A Milano mancavano poere come “Il bacio”, “Le età della donna” e “L’albero della vita”, ma quello che mi è sembrato più interessante è stato proprio il periodo giovanile antecedente il periodo della Secessione.
      Ti ringrazio e ti auguro buona serata
      Loredana

      Mi piace

      7 maggio 2014 alle 16:49

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...