La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Archivio per 3 maggio 2014

Klimt – Prima parte

kLIMTimage

 

 

Avvertenza: tutte le immagini sono tratte da internet, tranne il ritratto di Helene Klimt, da me fotografato

 

In aprile, a Milano, siamo stati al Palazzo reale dove era allestita la mostra dei dipinti di Gustav Klimt allestita con la sovrintendenza di Alfred Weidinger, studioso del pittore e vicedirettore del Belvedere.

Molto era incentrato sul periodo giovanile di Gustav Klimt, quando dipingeva unitamente ai suoi fratelli Georg ed Ernst ed era  in amicizia con Franz Matsch. Quest’ultimo è stato davvero una sorpresa per me, che non lo conoscevo affatto: erano esposti alcuni dei suoi quadri davvero molto belli. C’erano inoltre tele di Anton Romako, Eduard Veith, Wilhelm List, Anton Josef Ritter von Kenner, Koloman Moser, Jan Toorop, questi due espressione dell’Art Nouveau, ed infine  Fernand Khnoppf.

La mostra era molto interessante, dove viene mostrata l’evoluzione dello stile pittorico di Klimt, dagli inizi, in cui ritrae per lo più paesaggi o persone con un tratto molto particolareggiato, fino ad arrivare, dopo il rinnovamento dovuto alla Secessione Viennese, ad uno stile via via più simbolico, con tratti incisivi e ricchi di fregi ed ornamenti dorati forse influenzato da alcuni mosaici che aveva visto in occasione di una sua visita a Ravenna.

 

 

Si inizia quindi con una serie di ritratti, ad opera sia di Gustav Klimt che di suo fratello Ernst o dell’amico Franz Matsch. Un nudo di uomo, datato 1883,

 

klimt_nudo

 

Uno dei primi dipinti poi è quello di Helene Klimt nata Floege, moglie di suo fratello Ernst. Helene era sorella di Emilie, la donna che rimase accanto a Gustav fino alla sua morte, nonostante i ripetuti tradimenti del pittore.

Klimt Ernst_Helene Klimt

 

 

 

 

 

una Signora davanti al caminetto, (1897), dall’atmosfera alquanto cupaklimt_signora davanti al caminettoil Ritratto di fanciulla, un viso dall’incarnato luminoso (1898),

Klimt_Volto-di-fanciullaed il Ritratto di Marie Breunig, (1894) grande tela con un effetto davvero fotografico, vista la precisione dei dettagli (il vestito con i pizzi, i gioielli, l’arazzo sullo sfondo), e la resa del colorito della carnagione.

klimtportrait-of-marie-breunig

 

Nella stessa sala ed in quelle adiacenti, vari pannelli di stile greco-arcaico, con fanciulle che riempiono calici da anfore e scene similari, oppure dei ritratti ad opera di Matsch che ritrae i suoi figli in costume, la femmina addirittura raffigurata alla maniera de Las Meninas di Velasquez.

 

MATSCH_IL FIGLIO

matsch_franz_von_a_portrait_of_the_artists_daughter_as_infanta__after_velasquez_www.nevsepic.com.uaAlla parete poi i due ritratti della medesima bambina ad opera sia di Klimt ( la prima) che di Matsch (ovviamente la seconda) deliziosi ambedue.Klimt_bambina102222.jpg.origmatsch_bambina

 

 

Ci sono poi vari paesaggi: Dopo un “Bosco di betulle”, guardando il quale quasi si percepisce il fruscio delle foglie nel silenzio, 

 

klimt-paesaggi1

 

 ecco “Dopo la pioggia”: qui in primo piano razzolano delle galline, soggetti alquanto insoliti per dei dipinti che non siano nature morte.

 

klimtafter-the-rain-2

 

(continua)