La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Befana

 

Ah, la Befana di una volta, quando si appendeva vicino alla stufa ( non avevamo il camino) un calzettone di lana e non quell’orrida calza di panno colorato che vendono nei negozi.

La gioia di svegliarsi alla mattina e svuotarne il contenuto sul tavolo della cucina. Poche povere cose: un giocattolino (il “pieno” era già stato fatto a Natale) e, per riempirla meglio, mandarini, noci, arachidi e una barretta di cioccolato. Se carbone c’era, era rigorosamente vero, non di zucchero.

Poi si smontavano l’albero ed il presepe, si riponevano le statuine di gesso, le palline di vetro e gli altri ornamenti con la consapevolezza che il periodo delle feste era terminato.

Tempi passati, nostalgie che ritornano…


Inviato dal Veloce promemoria

2 Risposte

  1. Noi in verità per gli amici con i quali non siamo riusciti a stare insieme durante le feste teniamo ancora per un pò soprattutto il presepe, così c’è la scusa per sentirsi ancora buoni e felici. Poi ahimè riprende tutto normalmente e siamo già a carnevale. Buona Epifania. Isabella

    "Mi piace"

    6 gennaio 2014 alle 11:13

  2. Dolci ricordi del passato… in casa mia non si festeggiava la Befana, ma ho ugualmente sensazioni meravigliose dell’attesa.. forse è vero che queste festività sono soprattutto per i bambini, ma non sarebbe bello ritrovarle anche da grandi? E non parlo dei regali.. parlo del tempo dell’Attesa..

    "Mi piace"

    6 gennaio 2014 alle 20:25

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...