La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

La madre degli imbecilli è sempre incinta

C’è una cosa che mi disturba, ed è l’imbecillità umana.

Non quella di chi, per sua sfortuna, è nato con delle tare, ed a cui va tutta la mia comprensione e compassione, ma quella esercitata abitualmente da a chi, pur istruito, la utilizza consapevolmente.

Quella, per esempio, di un Grillo che spara a zero sul parmigiano inquinato dalla diossina dell’inceneritore di Parma (e i produttori di formaggi similari sentitamente ringraziano), o dell’assessore di Venezia che nei moduli di iscrizione all’asilo depenna le diciture padre e madre sostituendolo con genitore 1 e 2, o del sindaco di Fermo che vieta le minigonne e gli abbigliamenti osè, ma solo dal 31 agosto al 31 ottobre, perché dopo quella data è consentito (s)vestirsi alla maniera delle peripatetiche.

Il fatto che segue però credo li batta tutti.

Antefatto.

Prima di cestinare i quotidiani, li sfoglio un’ultima volta alla ricerca di qualche “chicca”, cosette che ritaglio e conservo (almeno per qualche tempo) o che possono essere utili come argomenti per un post. E questa notizia  mi è parsa particolarmente “gustosa”.

Ferrero_Kusschen_20_st_178_g_logo

In Germania la Ferrero è stata costretta a ritirare la reclame di un suo nuovo prodotto, i Kuesschen (bacetti) al cioccolato bianco per via della frase pubblicitaria “la Germania sceglie il bianco”. Per queste parole la ditta italiana è stata accusata di razzismo ed addirittura accusata di neonazismo.

Se allora la Nestlè dovesse pubblicizzare il caffè nero, o la Mutti il pomodoro rosso o la 3 Cuochi un risotto giallo allo zafferano che si fa, si scatena una guerra?

Allora facciamo una cosa: ritiriamo  addirittura i bacetti, non per attentato al colesterolo, ma per istigazione alla discriminazione razziale e promulghiamo una legge dove tutto, alimentari, vestiario, auto, case, sia rigorosamente ed uniformemente grigio come certi cervelli, e non mi riferisco alle celluline spesso citate da Poirot, ma alle idee balzane che albergano in certe teste vuote.

http://www.mopo.de/bundestagswahl/werbespot-sorgt-fuer-zoff–weisse-kuesschen—rassismus-vorwurf-gegen-ferrero,24028072,24134918.html 

 

8 Risposte

  1. lezzy

    fufù
    Non fa 1 piega; così facendo ,riferito alle polemiche e pippe sul razzismo etc., si distoglie l’attenzione su chi e cosa fa veramente la Nestlè. Non so se rendo l’idea.

    "Mi piace"

    3 settembre 2013 alle 17:28

  2. Rosella

    La tua indignazione è giustificatissima!! Ma guarda dove si vanno ad attaccare, ricercano anche in una pubblicità parole razziste che non esistono….sono priprio teste vuote come ben dici.
    Buona serata!
    Un caro saluto.

    "Mi piace"

    3 settembre 2013 alle 20:34

  3. Proprio vero. È sempre incinta. Ciao!

    "Mi piace"

    4 settembre 2013 alle 16:58

  4. love2lie

    è un mondo di ipocrisie, grandi o piccole come nel caso della Ferrero. Per la serie “si stava meglio quando si stava peggio”

    "Mi piace"

    13 settembre 2013 alle 22:29

  5. Un mondo d’imbecilli incinti, come suona ?? 😆

    "Mi piace"

    15 settembre 2013 alle 12:44

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...