La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Anatema su di voi…

Espulsione dopo espulsione, defezione dopo defezione, il M5S si sta assottigliando e sta facendo una vera cura dimagrante.

Già c’erano vari malumori tra i neo eletti, in parte motivati dalle questioni economiche per via della riduzione dei compensi. Adesso stanno aumentando i mugugni contro il guru considerato  assolutista e poco democratico, per cui all’ultima richiesta di espulsione della senatrice Gambaro, rea di aver espresso la propria opinione e di aver criticato nemmeno troppo velatamente l’operato del fondatore considerato un volgare strillone responsabile della debacle alle recenti amministrative, molti eletti stanno pensando di dissociarsi e di confluire nel gruppo misto.

Le recenti elezioni hanno dimostrato anche la disaffezione degli elettori nei confronti di un movimento che inizialmente era stato visto come una nuova risposta al vecchiume della nostra politica, ma considerato che anche i nuovi non si sono dimostrati molto differenti dai vecchi, questo si è tradotto in un massiccio astensionismo.

L’idea di costituire un nuovo gruppo cui demandare il futuro dell’Italia, attingendo esclusivamente al web, si è dimostrata utopistica e fallimentare: tra i nuovi parlamentari ci sono vari sprovveduti ed incompetenti, e viene il sospetto che solo chi segue ciecamente l’indirizzo del Capo possa andare avanti, nonostante la provata incapacità dovuta all’inesperienza.

Ma un poco alla volta qualcuno inizia a pensare con la propria testa ed a rendersi conto di tante incongruenze, tanto da  provocare un fuggi-fuggi verso il gruppo misto se non addirittura l’approdo verso altri partiti.

Posso dire che avevo previsto tutto questo: i grillini come scolaretti che devono alzare la mano per andar a fare pipì col permesso dell’insegnante e, tra loro, una massa di gente opportunista che ha visto l’occasione per procurarsi uno straccio di potere con pochissima fatica.

Il Grillo in streaming che dice a chi se ne va  :” Ti rendi conto di quello che fai? Se te ne vai, peggio per te!”.

Peggio per chi? Quello – o quella – se ne va, volontariamente o per estromissione, però continua a percepire le generose prebende che lo Stato elargisce, e per giunta senza versare un centesimo nelle casse del movimento.

4 Risposte

  1. mario

    condivisibile il tutto .rimane l’interrogativo riguardo agli astenuti nelle recenti amministrative .persone che ,credo, avevan provato la carta grillo si son prontamente ricredute . non sentirsi rappresentati in alcuna maniera non prelude a parer mio a cose positive specialmente quando sono sittante .ciao bp

    "Mi piace"

    17 giugno 2013 alle 17:47

    • Verissimo Mario. Ormai il malcontento e la sfiducia in TUTTI ormai dilagano…certo qualcuno ancora vota per i partiti tradizionali, ma per ideologia, non certo per convinzione, almeno così credo. In poche parole…non la vedo bene.
      Buon pomeriggio a te 🙂
      Loredana

      "Mi piace"

      17 giugno 2013 alle 17:56

  2. Niente da fare… questo è ciò che penso:
    http://liveeread.wordpress.com/2013/06/17/italiani-ed-americani/

    Contenta di seguirti! 😉

    "Mi piace"

    28 giugno 2013 alle 15:27

    • Il guaio è che il popolo di intelligenti ha votato i mediocri… e per quello che concerne gli americani, attualmente non sono molto sicura che siano guidati da persone intelligenti 🙂
      vado a spulciarmi un po’ il tuo blog 🙂
      Loredana

      "Mi piace"

      28 giugno 2013 alle 16:56

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...