La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Archivio per 16 gennaio 2013

Il bel paese dove il sì suona

l'italiano sallo

Spero che il prossimo governo, di qualsiasi colore sia, metta mano ad una seria riforma della scuola. Innanzitutto una scuola che insegni a parlare ed a scrivere almeno decentemente l’italiano.

Ritengo inammissibile leggere blog di diplomati e laureati infarciti di strafalcioni che fanno rizzare i capelli sulla testa. Il congiuntivo, si sa, è ormai in via di estinzione e così pure l’uso degli accenti, mentre tantissimi sbagliano anche a mettere gli apostrofi. E’ ormai invalsa l’abitudine di scrivere “gli” (a lui) per “le”(a lei), però io non mi ci rassegno ed infatti non lo userò mai. Pure grammatica e sintassi sono misconosciute, ma che venga rispettata almeno l’ortografia! Non ammetto che molti scrìvano “o” per “ho” e cose simili, non posso credere che si scriva “che centra” (ma sei al tirassegno?) invece di “che c’entra”, oppure “c’è nè” (visto con i miei occhi su un blog) al posto di “ce n’è”. Sono cose che fanno rabbrividire… e non sono errori di battitura, perché spesso reiterati.

(Un errore di battitura può scappare a tutti, anche se bisognerebbe rileggere sempre quanto si è scritto – ed io odio il correttore automatico, che a volte compie modifiche davvero ridicole-).

Non parliamo poi dei monosillabi: da molte parti impera il “si” al posto di “sì”, “ne” al posto di “né”, qui e qua accentati che fanno tanto nipoti di Paperino e via dicendo, veri e propri obbrobri linguistici.

Spero inoltre che venga rivalutata la tanto vituperata scuola professionale. E’ indubbio che non tutti abbiano le medesime capacità di apprendimento e la medesima voglia di applicarsi allo studio. Allora, perché intestardirsi a prendere per forza il “pezzo di carta”, magari stazionando per anni negli atenei come fuori corso, quando molti potrebbero sfruttare al meglio le capacità manuali, trovando magari anche soddisfazioni maggiormente appaganti sia nel campo del lavoro che in quello finanziario? Non è detto inoltre che chi svolge un lavoro manuale debba per forza essere un illetterato e sta alla scuola fornirgli le necessarie basi perché si sviluppi in lui la voglia di incrementare le proprie conoscenze.

Però ho i miei seri dubbi che questo possa avvenire.

Del resto basta ascoltare certi politici nostrani per rendersi conto della loro pochezza, in senso linguistico, ovviamente: sgrammaticature accompagnate inoltre da una povertà lessicale da semianalfabeti. E dire che molti provengono dal mondo accademico, il che fa capire quali insegnanti abbiano avuto…