La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Così va il (nostro piccolo) mondo

Matteo Renzi va dicendo quello che in molti, me compresa, pensano e scrivono da parecchio tempo, ossia che l’opposizione è carente di idee ed è tenuta assieme solo dall’antiberlusconismo. Per queste sue affermazioni viene osteggiato anche dal partito cui appartiene, che lo ha “garbatamente” invitato a fare gavetta prima di poter accedere ai posti di comando. Se in linea di massima si può essere d’accordo con i “vecchi” che possono accampare a loro favore lunghi anni di esperienza nel campo politico, ragionando coerentemente invece bisogna chiedersi cosa hanno fatto di concreto i vari D’Alema, Bersani, Franceschini, Veltroni, Bindi e chi ne ha più ne metta (tralascio volutamente Prodi…). Cosa ci hanno saputo offrire? La litania che giornalmente ricorre è “Berlusconi deve dimettersi”, e se per certi versi si può anche convenire con questo, cos’hanno da proporre di diverso se non un governo di unità nazionale e quali decisioni prenderebbero? (a parte che non ce la vedo la Bindi concordare con Vendola o Casini con Di Pietro…). A Berlusconi viene anche imputata la crisi che ormai è planetaria e coinvolge tutti i paesi. In Spagna, Portogallo, Grecia ed Irlanda ( i cosiddetti PIGS) Berlusconi non c’è…eppure vanno male. Nemmeno la Francia con Sarkozy se la cava meglio di noi, anzi le sue banche sono molto più fragili delle nostre. Lo stesso dicasi della Merkel in Germania, e lo stesso Obama non verrà certamente rieletto.

Noi a nostro discapito abbiamo solo un enorme debito pubblico, che data ormai da decenni, e non è certo colpa di Berlusconi, tutti parlano di crisi ma le code non le fanno davanti ai negozi di pasta e pane o di frutta e verdura, ma davanti alle catene della Trony. Nel nostro paese annualmente vengono venduti 23 milioni di telefonini…

Alla faccia del prezzo stratosferico dei carburanti (oggi la blu super Agip costava  1,715 euro), le strade sono intasate dal traffico. In giro vedi bambini delle elementari attaccati al cellulare…qualcosa non mi torna. Tra le affermazioni ottimistiche del Premier e quelle ultranere delle Cassandre dell’opposizione, c’è una enorme zona grigia in cui si colloca di tutto e di più. Siamo un popolo che vive al di sopra delle proprie possibilità. In molti rinunciano al cibo, ma non all’ultimo gadget tecnologico o all’abbigliamento firmato. Compriamo meno libri e cultura, però guai a non rinnovare l’abbonamento alla palestra o a non partire in vacanza per destinazioni esotiche…

Diamo in conclusione più credito all’apparenza che alla sostanza, ma lo stesso mercato richiede questo: quante cose potrebbero essere riparate ma vengono buttate? Chi aggiusta più un ferro da stiro? Lo si butta e se ne compra uno nuovo. Il cellulare che abiamo non è provvisto di determinate funzioni? Via…e se ne acquista un altro! Ovvio che così si incrementano i consumi e in tal modo l’economia “gira”, ma fino a quando potrà reggere questo sistema?

E intanto da noi si incrementa il mercato delle vacche…solo che se è uno Scilipoti a lasciare l’IDV all’opposizione per appoggiare il governo Berlusconi si dice che il parlamentare è un traditore, se altri invece lasciano il PDL per andare all’opposizione, sono persone che dimostrano grande senso di responsabilità…Io li considero topi che lasciano la nave che affonda…

In conclusione, questa è l’Italia dei burattini, dei sor Tentenna, che decide di non decidere, rimandando ogni cosa sine die, e se putacaso qualcuno ha delle idee, subito lo bollano e lo invitano a non scalciare…

3 Risposte

  1. icittadiniprimaditutto

    icittadiniprimaditutto reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    "Mi piace"

    7 novembre 2011 alle 19:13

  2. mario

    c’e’ una cosa che il matteo si poteva risprmiare . la visita a san martino . alquanto grigia….niente ostava farla col sole in cielo a palazzo chigi .rottamazione .tu stessa proseguendo proponi che un ferro da stiro vecchio potrebbe essere riparato .sigh urch by urch . a ben vedere il dalema stirato e co li capelli neri mica lo vedo , per non dire del bersani con la folta chioma ( mi parrebbero dei berluschini ) , meglio co segni dell’eta’ che avanza va .proposte diverse ? qui mi sento piu’ tranquillo . meglio di questa maggioranza (si puo’ ancora chiamar cosi ? ) melmosa anche mi nipote saprebbe fare . stili di vita . non trascurabile che uno dei fautori di questo modus l’e’ proprio il nano e tutta l’accozzaglia che gli ha gravitato attorno . mercato delle vacche……se la memoria non difetta la moda la lancio’ lui 96 1°governo comprandosi il senatore della gran vallee .staremo a vede. siamo fortunati anche senza vende l’abbecedario ci godiamo lo spettacolo……ciao bg

    "Mi piace"

    9 novembre 2011 alle 09:33

  3. Tanto segreta la visita non era, visto che ne hanno parlato tutti i giornali…In quanto alle rottamazioni, dai, certi figuri andrebbero davvero rottamati, non solo non sono aggiustabili, ma non hanno nemmeno prodotto nulla di utile, a differenza dei ferri da stiro: sono arrugginiti ancora prima di poter essere usati! 🙂
    Ma il mercato delle vacche è sempre esistito, dando vita non solo alle varie correnti DC, ma anche alle varie scissioni dei diversi partiti, dal PSI, con figli e figliastri, agli eredi del PCI…
    Comunque prevedo tempi bui…alla faccia di chi pensa che un cambio di rotta cambi qualcosa!

    buona giornata anche a te (si fa per dire 🙂 )

    "Mi piace"

    9 novembre 2011 alle 16:15

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...