La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

E’ arrivata posta…

Ore 9.30…

Posta…

Apri la cassetta e dentro ormai trovi solo pubblicità, cataloghi, i bollettini informativi del Comune o della Provincia, una cartolina da parte di qualcuno in ferie (hai visto il tale? È stato a Vattelapesca…beato lui!). Anche le bollette telefoniche ed energetiche arrivano ormai per email.

Mai che ci sia una lettera…

Una lettera da scrivere, al giorno d’oggi…

Si accende il PC, monitor, tastiera, si apre il programma di posta, si scelgono i caratteri (tipo, grandezza, colore), si aggiungono foto, filmati, link di siti interessanti, si termina con una firma, magari in formato gif…si apre la rubrica elettronica e si invia…

Ma una volta c’era un foglio bianco, con una fila ordinata di penne biro (però io usavo la stilografica Aurora a stantuffo -niente cartucce! – ereditata da mio padre, con l’inchiostro rigorosamente nero).

Scrivere una lettera implica sempre un qualcosa di intimo, di personale. Forse il foglio rende meglio l’idea, registrando, con cancellature e correzioni, i ripensamenti, i cambi di rotta, le nuove idee che scaturiscono dal pensiero originario, mentre sul monitor o sul display di un cellulare di questi cambiamenti non resta traccia, non si manifestano i dubbi. Tasto delete…e via… Passaggi spostati con il copia-incolla, a volte con esiti umoristici, se non si rilegge attentamente.

Ma scrivere a mano è tutt’altra cosa. A volte si fa perfino una brutta copia,anche se poi la stesura originale non corrisponderà ad essa.

Ho ritrovato lettere scritte anni ed anni fa a mio marito, con i “provini” delle foto incollati con la coccoina, cornicette disegnate, schizzi…piccoli diari di cose buffe che succedevano a casa durante le sue assenze di lavoro, magari ci aggiungevo anche un fiore spuntato sul terrazzino… E le sue non erano da meno…Mica le mails che mi invia dalla stanza accanto, a 2 metri di distanza! Comunque, le mie con una grafia bella ed ordinata (allora…adesso mica tanto), le sue con caratteri spigolosi, che denotavano anche la fretta con la quale scriveva.

C’era il telefono, certo, ma una lettera, se manca una persona, la puoi rileggere tante volte, e ti sembra sempre di averla vicina. Al giorno d’oggi, ricevere una lettera ormai è assai raro…chissà se un giorno ne riceverò una, dato che pure la nipotina già da 2 anni, con l’aiuto dei genitori o della cuginetta, mi manda mails scritte tutte in maiuscolo…

Beh…io ci spero, ma so che è quasi impossibile…

9 Risposte

  1. mario

    campa cavallo che l’erba cresce ……svegliati altrimenti inciampi hahahahahahahhaha il tempo corre e tutti son presi da cose moooooolto importanti mica posson perdersi in simili faccenduole . c’e’ comunque da dire che modificandosi la vita anche le cose che ” toccano ” divengon altre le sensibilita’ pure , almeno ,voglio pensarlo. mi domando a volte se siamo stati capaci di educare nel giusto modo i nostri figli e qualche volta tornando a ritroso mi dico che in determinate situazioni potevo e magari dovevo intervenire in altra forma ,usare altre parole, assumendomi la responsabilita’ dei comportamenti loro attuali .qualcuno mi ha anche detto che appunto i figli son quel che sono per l’educazione che hannno ricevuta .per contro ,penso, che genitori non si nasce e nessuno almeno a me lo ha spiegato.e’ vero che riprendere in mano lettere vecchie da qualcosa alla mente e all’animo ; qualcosa che certo non sentiranno se pure avessero in futuro la possibilita’ di rileggere mail o sms .e’ tamente piena di altri stimoli la vita di oggi che onestamente ,almeno per me, servirebbe la sfera di cristallo per ipotizzare quali saranno i ricordi piu’ cari dei miei figli , se poi penso ai nipoti …………

    "Mi piace"

    26 luglio 2011 alle 00:45

    • Lettere, dai miei figli non ne ho mai ricevuta una. Telefonate tante, sms, mail, qualche cartolina dalle ferie, ma lettere mai. Di loro mi resteranno foto, filmini delle vacanze, lavoretti fatti a scuola…ma non lettere.

      E dire che, in una scatola, conservo ancora le lettere che mio padre scrisse alla mamma e che lei tante volte mi aveva detto di leggere…ma non ne ho mai avuto il coraggio, mi sembrerebbe di violare la loro intimità. Forse un giorno…chissà.

      In quanto ad essere genitori, è la cosa più difficile del mondo e come tu dici, nessuno ce lo insegna. Essere “bravi” genitori poi è praticamente impossibile, e sbagli ne commettiamo tutti.
      Personalmente mi rimprovero una eccessiva severità, dovuta anche al fatto che spesso, per motivi di lavoro di mio marito, mi sono trovata da sola ad educare i bambini e ci voleva un certo polso, tanto che mia madre mi dava della “teutonica”.
      Ma questo atteggiamento in seguito mi ha causato problemi col figlio minore, che ha sviluppato una certa ribellione, per fortuna attenutasi col tempo.
      Mi rimprovero anche di aver fatto pesare loro certi nervosismi specie per problemi di lavoro, dei quali non avevano nessuna colpa.
      Però, se si hanno determinati valori, credo che anche loro li assimilino, e questo rende particolarmente contenti mio marito e me…sono dei bravi “ragazzi” (per I genitori restano sempre tali), e tanto mi basta…. 🙂

      "Mi piace"

      26 luglio 2011 alle 18:21

  2. Una lettera, fuori… testo, ma sempre una lettera, cara Loredana, per un saluto.
    Ci tenevo a scrivere anche se da dieci giorni non sto proprio bene di salute e non apro più il pc.
    Una bruttissima infiammazione, improvvista, con febbre altissima, che non scendeva nonostante le cure. Una terapia con forte antibiotico ancora per venti giorni! Poi gli esami e gli approfondimenti… e la gran paura dell’imponderabile.
    Scusami questo invio, ma ci tenevo a dirti…
    Forse somatizzo il disagio psicologico, morale, relazionale di una vita e l’angoscia, l’ansia, lo stress colpisce prima o poi nel fisico, in modo pesante.

    Un caro saluto.

    Carlo.

    "Mi piace"

    27 luglio 2011 alle 15:59

    • Speravo che la tua assenza fosse dovuta ad un periodo di ferie, purtroppo non è così. Mi auguro sinceramente che tu possa risolvere al meglio e nel più breve tempo possibile i problemi che ti affliggono, e di ritrovarti in piena salute quanto prima. Nel frattempo posso solo dirti CORAGGIO. Posso capire come tu ti senta. Ho somatizzato abbastanza dolori in occasione della perdita prima di mio padre e poi di mia madre. Ogni banale mal di testa, ogni banale mal di pancia provocavano timore, anche se cercavo di non darlo a vedere.
      Ti abbraccio con affetto 🙂 con l’augurio di ritrovarci presto in questo mio piccolo spazio.

      Loredana

      "Mi piace"

      27 luglio 2011 alle 16:43

  3. Grazie, Loredana carissima.
    Quanto è vero e sacrosanto, profondamente vero e sacrosanto l’antico proverbio:
    MENS SANA IN CORPORE SANO.
    Si somatizza, incredibilmente, quanto la mente non riesce a “smaltire”…
    Visione e considerazione olistica della vita, un unicum mente e corpo; e io che lo predicavo agli altri!

    Una montagnata di autentica serenità:
    è l’augurio più bello che si possa esprimere perchè lì vi è l’antidoto a tanti guai…

    Un caro saluto.
    Se ripaso è buon segno…

    Ciao!

    Carlo.

    "Mi piace"

    27 luglio 2011 alle 17:39

  4. e si l’ emozione di scriverne una meglio ancora ricerverla ma come ha detto il tuo amico Mario campa.cavallo che……..pazienza ci dovremmo accontentare di mails buona serata lori.

    "Mi piace"

    28 luglio 2011 alle 20:19

  5. vabbè, campa cavallo…però si può sempre sperare, vero?
    Buona giornata, Nazz 🙂

    Lory

    "Mi piace"

    29 luglio 2011 alle 17:26

  6. Ci sono riuscita.
    Mi piace molto questo tuo post e la penso esattamente come te, ma il progresso esige il suo tributo e noi ci siamo adeguati, seppur di malavoglia.

    Piace a 1 persona

    29 giugno 2016 alle 21:34

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...