La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno (Edgar Allan Poe)

Archivio per 13 ottobre 2009

6 ottobre 2009

Questa giornata è stata dedicata interamente alla zona del porto. Farla a piedi è stata lunghetta, ma siamo abituati…camminatori, di montagna e non…
Il porto si snoda per vari chilometri lungo le rive del fiume, comprendendo il quartiere di St. Pauli e quello di Altona. Quest’ultimo, prettamente residenziale, è caratterizzato da numerose ville dell’Amburgo "bene", e dalla Pallmaille, una bella strada fiancheggiata da vari edifici di stile neoclassico.
Al St.Pauli si trovano i  moli di imbarco delle navi che si distinguono per le alte torri che, dal colore, sembrano costruite con la sabbia.
 
Proprio all’inizio del porto è situata una nave-faro inglese, dipinta in un vivace color rosso, ora trasformata in ristorante bar. 
(scattata da me)
 
Poco dopo invece si nota un bel trealberi a vela
 (foto scattata da me)
 
e sempre lì vicino è ancorata la Cap San Diego, un mercantile del 1962, che è possibile visitare
 
Tra le tante imbarcazioni che solcano il fiume, anche la riproduzione di un tipico battello del Mississippi, il Louisiana, con la grande ruota a pale dipinta di rosso vivo e le balaustre a torciglioni, tipiche dell’epoca
(scattata da me)
 
Passeggiando si nota anche la sopraelevata che percorre numerose vie cittadine
(sempre scattata da me)
 
Di rigore, nei pressi del porto, una visita al quartiere St.Pauli, con la Reeperbahn, la strada delle attrazioni "erotiche" d’obbligo, con numerosi locali notturni, ma anche centri sociali e teatri di tendenza. Ovvio che in pieno poimeriggio non ci fosse l’afflusso che invece c’è alla sera, ma il movimento era comunque notevole.
 
 
Un "curioso" cartello di divieto che si trova in questa strada ben definisce il tipo di quartiere….niente pistole…niente coltelli…niente manganelli né bombolette spray irritanti….
 
 
Al ritorno invece abbiamo visitato la Speicherstadt, ossia il quartiere dei magazzini. Imponenti, tutti in cotto rosso, ricostruiti sia dopo l’incendio del 1824 che dopo le distruzioni apportate dal con flitto del 1939/1945, si notano subito per l’architettura semplice e razionale: tutti alti uguali, con le scritte color oro, e con ampie aperture per il carico delle merci, solitamente serrate da portoni di legno e che, quando vengono schiuse, sono bordate da una semplice catenella di ferro e si specchiano nell’acqua dei canali percorsi da chiatte e battelli.
(scattata da me)
 
(scattata da me)
 
La cosa più bella però son o i ponti, tantissimi, in muratura o metallici, attraversano sia i canali che le strade e i più grandi collegano le rive dell’Elba.
 

(scattata da me)
 
Un dettaglio
(scattata da me)
 
Alla sera, ritornati alla stazione, abbiamo però avuto una brutta sorpresa. A causa del disinnesco di una bomba aerea trovata nel tratto tra Amburgo ed hartburg, il nbostro treno ha avuto un ritardo notevole. La stazione tutta era congestionata, ed anche i treni ICE (alta velocità) hanno subito rallentamenti pesanti. Siamo arrivati a Luneburg assai tardi e stanchissimi, ma comunque contenti del bel giro fatto.
 
 
 
 
 
 
 
 
 


frase del giorno

Diciamo di ammazzare il tempo come se, purtroppo, non fosse il tempo ad ammazzare noi.